Anno: XXV - Numero 107    
Martedì 18 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Professioni tecniche, idee fondi sisma

Professioni tecniche, idee fondi sisma

Rischio di ostacolo alla erogazione di finanziamenti agevolati

Professioni tecniche, idee fondi sisma

Evitare che i contributi per la ricostruzione post-terremoto “vengano assoggettati ai controlli preventivi previsti dal Testo unico bancario in materia di antiriciclaggio, tenendo presente che i procedimenti di erogazione degli stessi contributi sono tutti predefiniti e, quindi, trasparenti e le somme sono erogate da soggetti terzi (Istituti bancari convenzionati)”. A proporlo la Rete delle professioni tecniche (Rtp), nel corso dell’audizione nelle commissioni riunite Lavori pubblici ed Ambiente del Senato sul decreto Sblocca Cantieri.. “Il rischio – ha spiegato il presidente dell’organismo degli Ordini Armando Zambrano – è che l’obbligo di tale verifica diretta da parte degli istituti bancari convenzionati nell’ambito del ‘plafond sisma’ in capo ad ogni singolo proprietario impedisca l’erogazione del finanziamento agevolato”. Sarebbe, inoltre, “necessario”, a giudizio della Rtp, “inserire un ordine di priorità per l’esame delle pratiche di accesso ai contributi per la ricostruzione, privilegiando gli interventi su abitazioni principali, o ad attività produttive già in esercizio, a partire da quelli già in corso”.  “Perplessità” della Rete delle professioni tecniche anche sull’appalto integrato, perché “ogni appalto per l’esecuzione di opere pubbliche non può prescindere dalla redazione di un progetto esecutivo di qualità”, e tale “procedura anomala” sebbene “potrebbe ingannevolmente – ha detto Zambrano – apparire più snella, in quanto consente l’affidamento dei lavori in mancanza di un progetto esecutivo, finisce inevitabilmente per alimentare, da un lato un numero sempre più elevato di casi in cui si registra la mancata coerenza tra livelli successivi della progettazione e, dall’altro, nuove varianti in corso d’opera, contenziosi, extracosti e, in definitiva, opere incompiute”.  Quanto riguarda, poi, la norma che disciplina l’incentivo (pari al 2% dell’importo dei lavori, ndr) ai tecnici della Pubblica amministrazione, “assegnato esclusivamente per le attività di progettazione, di coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, di verifica preventiva della progettazione e non più per le attività di programmazione della spesa per investimenti, di valutazione preventiva dei progetti, di predisposizione e di controllo delle procedure di gara e di esecuzione dei contratti pubblici”, la Rtp parla di un’impostazione che “travisa il ruolo dei dipendenti pubblici, che non dovrebbero ricevere incentivi extrastipendiali per attività ordinarie, ma dovrebbero semmai esser valorizzati soprattutto nell’ambito del controllo dell’intero processo di esecuzione delle opere, riservando la progettazione ai liberi professionisti”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Notizie Correlate

21 professioni contro il Decreto Cura Italia

21 professioni contro il Decreto Cura Italia

25 Marzo 2020

Il Decreto Cura Italia ha deliberatamente ignorato i professionisti ordinistici, non riconoscendo il ruolo svolto da ben 2,3 milioni di professionisti italiani

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.