Anno: XX - Numero 134    
Venerdì 19 Luglio 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Mondo professionisti

L’avvocatura sta perdendo la giurisdizione domestica.

La permanenza dei nove illegali al Consiglio Nazionale Forense ci porterà dritti a questo.

19 Luglio 2019 Primo Piano

L’avvocatura sta perdendo la giurisdizione domestica. Nel 1986, con la pronuncia n. 284, la Consulta aveva detto chiaramente che il permanere illimitato dei Consiglieri Nazionali, nelle vesti di giudici speciali, all’interno dei Consigli Nazionali aventi funzioni di giudici disciplinari, era incompatibile con la funzione e che il legislatore sarebbe dovuto intervenire, ponendo un limite temporale a tale permanenza. Nel caso degli avvocati, il legislatore, nel 2012, è intervenuto, introducendo tale limite, con l’art. 34 della Legge n. 247/2012. Orbene, la violazione di tale limite, per ben nove componenti del Cnf, rende il Giudice ...

Continua lettura

Primo Piano

AAA CERCASI SCHIAVO LAUREATO

AAA CERCASI SCHIAVO LAUREATO

18 Luglio 2019

Mentre a via Arenula si riunisce il tavolo per l’equo compenso a Grugliasco si cercano ingegneri disperati disposti a lavorare per un tozzo di pane

Questa flat tax non aiuterà i professionisti

Questa flat tax non aiuterà i professionisti

16 Luglio 2019

Confprofessioni al Viminale. Per come è impostata, non incentiva la crescita dei professionisti. Dare più forza all'aggregazione professionale: società, studi e associazioni rischiano di essere fagocitati dai colossi del mercato dei servizi

In breve

Dalle Professioni

Professioni in primo piano

Architetti. No all’appalto integrato

Architetti. No all’appalto integrato

16 Luglio 2019

Dal Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, Donato Carlea, nel corso del suo intervento alla Conferenza degli Ordini degli Architetti.

Focus su

Interviste

Casse di previdenza

Inarcassa: vinto ricorso al Tar su sanzioni per tardivo pagamento

Inarcassa: vinto ricorso al Tar su sanzioni per tardivo pagamento

19 Luglio 2019

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso proposto contro il provvedimento con il quale i ministeri Vigilanti avevano bocciato gli atti adottati da Inarcassa per mitigare le sanzioni da applicare ai propri iscritti in ipotesi di tardivo pagamento dei contributi

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.