Anno: XXV - Numero 69    
Lunedì 22 Aprile 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Periti industriali. L’ok al ddl sull’ Università è un segnale importante

Periti industriali. L’ok al ddl sull’ Università è un segnale importante

Esposito, coerenza fra sistema formativo e professioni

Periti industriali. L’ok al ddl sull’ Università è un segnale importante

“L’approvazione del disegno di legge Manfredi è un segnale davvero importante, perché vuol dire che Governo e Parlamento stanno puntando in concreto sul futuro del Paese, sui giovani e sulla loro formazione”.

Così il presidente del Consiglio nazionale dei periti industriali Giovanni Esposito commenta l’approvazione oggi da parte dell’Aula del Senato, all’unanimità e in via definitiva, del disegno di legge che introduce nuove disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti accogliendo, tra l’altro, diverse richieste avanzate dalla categoria.

“Il via libera al testo rappresenta per noi un segnale importante per ridisegnare finalmente un quadro normativo più coerente tra il sistema formativo e quello delle professioni. Una necessità del sistema Paese nel suo complesso e non di una categoria professionale. Per questo ringrazio l’ex ministro dell’università Gaetano Manfredi per la lungimiranza con cui ha costruito un provvedimento che guarda al futuro dei nostri giovani e il relatore Manuel Tuzi che durante la prima lettura del testo alla Camera ci ha assicurato un confronto e un dialogo costante”, aggiunge. “Rendere abilitanti le lauree professionalizzanti che prevedono l’accesso alla professione di perito industriale laureato, le classi di laurea professionalizzante in professioni tecniche per l’edilizia e il territorio (classe LP-01), in professioni tecniche agrarie, alimentari e forestali (classe LP-02) e in professioni tecniche industriali e dell’informazione (classe LP-03), significa che la formazione maturata durante il corso di studi universitari diventerà più corrispondente alle conoscenze e alle abilità che dovrà possedere il professionista. Ma significa, anche, aver costruito un percorso che va davvero nella direzione della modernizzazione, del rilancio e della ripresa del Paese, garantendo una veloce collocazione dei nostri giovani in quelle aree strategiche del mercato dove serviranno tecnici qualificati, chiamati a svolgere tutte quelle attività in cui dovranno concretizzarsi gli investimenti del Piano di ripresa e resilienza. A questo punto”, ha chiuso Esposito, “toccherà a noi, a tutte le categorie professionali che potranno, se vorranno, completare e attuare, come prevede lo stesso disegno di legge una riforma delle professioni tecniche coerente con le evoluzioni in atto, eliminando le sovrapposizioni di competenze e di ambiti professionali simili”, termina la nota dei professionisti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Notizie Correlate

Il futuro dell’energia è nello spazio

Il futuro dell’energia è nello spazio

09 Settembre 2022

Al Palazzo dei Congressi di Roman in scena lo Space Innovation Hub, l’industria aerospaziale italiana tra investimenti, applicabilità e formazione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.