Anno: XXV - Numero 62    
Venerdì 12 Aprile 2024 ore 13:15
Resta aggiornato:

Home » Riconoscimento professionale per gli Osteopati

Riconoscimento professionale per gli Osteopati

Accade spesso che gli osteopati italiani siano anche in possesso di altri titoli, per esempio quello di fisioterapista, e siano obbligati a legittimare l'esercizio della loro professione in virtù di questa qualifica

Riconoscimento professionale per gli Osteopati

“Anche l’attuale modello di sanità sembra distratto ed indifferente davanti agli osteopati, una delle figure professionali più apprezzate da milioni di italiani, che ricorrono alle loro cure spesso quando altri professionisti non sono riusciti a risolvere i loro problemi”, “eppure in Italia, contrariamente a quanto accade in molti altri Paesi europei, in Canada e negli USA, questa figura non ha ancora ottenuto il riconoscimento che merita tra le figure professionali che operano in area sanitaria”. Lo afferma la senatrice Paola Binetti, UDC, che continua: “I decreti attuativi della legge 3/18 avrebbero dovuto completare l’iter definendo le competenze e le attività consentite, istituendo un Albo professionale per i possessori dei titoli di studio equipollenti e indicando un percorso pedagogico dedicato. Una delle classiche lauree triennali in Area sanitaria, specificamente dedicata agli osteopati, che dovrebbe consentire successivamente tutti gli approfondimenti necessari, non solo la laurea magistrale, ma anche le specializzazioni, i master e i dottorati di ricerca. Fino a quando queste norme istitutive non verranno formalmente sancite, gli osteopati italiani saranno esposti a diversi tipi di contestazione e le terapie che loro somministrano non potranno essere riconosciute a livello del SSN, né tanto meno rientrare tra i LEA di alcune patologie in cui il ricorso all’osteopati appare sempre più necessario. Accade spesso che gli osteopati italiani siano anche in possesso di altri titoli, per esempio quello di fisioterapista, e siano obbligati a legittimare l’esercizio della loro professione in virtù di questa qualifica e non ponendo in primo piano in modo esplicito il loro profilo di competenza professionale”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Formazione Ecm, arriva il nuovo manuale.

Formazione Ecm, arriva il nuovo manuale.

12 Aprile 2024

Ecco le novità più rilevanti per i medici Arriva per tutti i professionisti sanitari il nuovo manuale sulla formazione continua rivisto dalla rinnovata Commissione ECM. Valido per il triennio 2023-25, rinnova l’obbligo di totalizzare 150 crediti nei tre anni. Ma ci sono gli sconti.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.