Anno: XX - Numero 176    
Martedì 22 Ottobre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Ingegneri, grave calo investimenti opere

Ingegneri, grave calo investimenti opere

Zambrano, così le ambizioni dell’Italia restano pura velleità

Ingegneri, grave calo investimenti opere

È “critica” la dinamica degli investimenti in costruzioni in Italia, “basti ricordare che dai 177 miliardi di euro del 2008 si è passati agli attuali 119 miliardi”, e “la flessione di quasi il 30%, tra il 2007 ed il 2017, della spesa pubblica per interventi di viabilità, impianti idrici, impianti energetici, telecomunicazioni ed altre infrastrutture dice molto della necessità di affrontare urgentemente e con un approccio nuovo la questione infrastrutturale del nostro Paese”. Lo si legge nella relazione con cui il presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri Armando Zambrano ha aperto i lavori del 64/esimo congresso della categoria. “Più volte, in sedi diverse e di fronte alle istituzioni, l’Ordine ha denunciato uno stato di fatto che, nella sua gravità, mette a rischio la capacità competitiva del nostro Paese. Senza infrastrutture moderne, sicure e rispettose dell’ambiente, ogni ambizione di fare dell’Italia una piattaforma di interscambi resta pura velleità”, ha aggiunto.

È “critica” la dinamica degli investimenti in costruzioni in Italia, “basti ricordare che dai 177 miliardi di euro del 2008 si è passati agli attuali 119 miliardi”, e “la flessione di quasi il 30%, tra il 2007 ed il 2017, della spesa pubblica per interventi di viabilità, impianti idrici, impianti energetici, telecomunicazioni ed altre infrastrutture dice molto della necessità di affrontare urgentemente e con un approccio nuovo la questione infrastrutturale del nostro Paese”. Lo si legge nella relazione con cui il presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri Armando Zambrano ha aperto i lavori del 64/esimo congresso della categoria. “Più volte, in sedi diverse e di fronte alle istituzioni, l’Ordine ha denunciato uno stato di fatto che, nella sua gravità, mette a rischio la capacità competitiva del nostro Paese. Senza infrastrutture moderne, sicure e rispettose dell’ambiente, ogni ambizione di fare dell’Italia una piattaforma di interscambi resta pura velleità”, ha aggiunto.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.