Anno: XXV - Numero 33    
Venerdì 1 Marzo 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » La rivolta dei professionisti contro gli Isa

La rivolta dei professionisti contro gli Isa

Sciopero dei commercialisti il 30 settembre. Anche gli avvocati in sciopero dal 1° al 7 ottobre. Necessario per evidenziare la violazione dello Statuto del Contribuente

La rivolta dei professionisti contro gli Isa

“Ci aspettiamo un’adesione massiccia da parte dei nostri colleghi”, e “speriamo altre associazioni datoriali si uniscano alla nostra protesta”, che consisterà in una forma di “disobbedienza civile dei commercialisti”. A dirlo il presidente dell’Ungdcec (Unione nazionale giovani dottori commercialisti) Daniele Virgillito, introducendo stamattina alla Camera dei deputati la conferenza stampa di presentazione dello sciopero della categoria, indetto da tutte le sigle sindacali (Adc, Aidc, Anc, Andoc, Fiddoc, Sic, Unagraco, Ungdcec e Unico, presenti con i loro vertici nazionali), e con il sostegno del Consiglio nazionale dei commercialisti. I professionisti hanno stabilito, protestando per i disagi prodotti dagli Isa (Indici sintetici di affidabilità fiscali, di cui è stata chiesta, invano, la disapplicazione per il 2018) e per il “mancato rispetto dello Statuto dei diritti del contribuente”, di non inviare “i nostri modelli F24 tra il 30 settembre e il primo ottobre”, iniziativa di contestazione nei confronti dell’Amministrazione finanziaria che, hanno spiegato, “verterà solo sul non pagamento delle nostre imposte e non anche quelle dei nostri clienti e, inoltre, dal 29 settembre al 7 ottobre non parteciperemo ad alcuna udienza nelle varie Commissioni Tributarie. L’adesione alla protesta, nel rispetto di quanto sopra, non produrrà, a carico dei colleghi, il pagamento di sanzioni o interessi”, hanno sottolineato le associazioni dei commercialisti. Anche l’avvocatura si mobilita e incrocia le braccia dal 1° al 7 ottobre. Dal Consiglio nazionale forense arriva un appello a «rinviare l’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità» per l’anno di imposta 2018. E la contemporanea decisione dell’Organismo congressuale forense di proclamare «l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore tributario» dal In attesa che il governo decida effettivamente di congelare l’efficacia degli “Isa”. Sono i due segnali inviati dall’avvocatura sul nodo delle disposizioni fiscali, integrate in modo tardivo e problematico con il decreto dello scorso 17 agosto. L’invito del Cnf e l’astensione proclamata dall’Ocf sono arrivati ieri, poche ore dopo l’analoga decisione con cui le sigle che rappresentano i commercialisti hanno indetto un’astensione quasi sovrapponibile a quella degli avvocati, tra il 29 settembre il 7 ottobre. Le due maggiori professioni giuridico- economiche sono dunque mobilitate. Adesione anche da parte  Uncat, Unione nazionale delle Camere degli Avvocati tributaristi, apprezza ed aderisce all’astensione dalle udienze nel processo tributario deliberato dall’Organismo Congressuale forense, anche su sollecitazione della stessa Uncat. Anche gli Avvocati tributaristi si asterranno dalle udienze dal 1° al 7 ottobre, per sottolineare il disagio e la preoccupazione per la scelta dell’Amministrazione finanziaria di procedere sulla strada degli Indici Sintetici di Affidabilità anche per l’anno 2018, nonostante le ripetute e condivise obiezioni sul metodo e sul merito provenienti da tutte le rappresentanze dei professionisti coinvolti. Uncat ribadisce che la protesta non riguarda l’opportunità di un nuovo istituto volto alla compliance dichiarativa tra Fisco e Contribuente, ma la concreta attuazione degli ISA, tra susseguenti modifiche regolamentari e tempi ristretti per gli obblighi dichiarativi; senza contare gli esiti incongrui conseguenti alle prime proiezioni effettuate. Uncat richiama il proprio comunicato dell’11 settembre scorso, nel quale aveva espresso tutte le ragioni tecnico-giuridiche della propria perplessità, chiedendo la disapplicazione degli Isa per l’anno contributivo 2018. Ragioni ritenute non solo valide ma esiziali per l’avvio – nel riconoscimento di Uncat quale associazione forense specialistica e di riferimento nel settore tributario – della procedura ufficiale di proclamazione dell’astensione da parte dell’Organismo Congressuale Forense. L’Istituto Nazionale Tributaristi (Int) ha predisposto e inviato agli iscritti indicazioni di massima di carattere soggettivo e/o oggettivo da inserire e sviluppare nelle annotazioni per giustificare o evidenziare anomalie degli Isa. Una corretta ancorché sintetica indicazione nelle annotazioni.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

LA RIVOLTA DEGLI AVVOCATI SBARCA A TORINO.

LA RIVOLTA DEGLI AVVOCATI SBARCA A TORINO.

01 Marzo 2024

I sindacati degli avvocati e i bollettini 2024 dell’ente previdenziale di categoria: «Sfiniti dall'ennesima spesa. Nel settore redditi sempre più esigui».

BONUS 5.0: ARRIVANO GLI INCENTIVI

BONUS 5.0: ARRIVANO GLI INCENTIVI

28 Febbraio 2024

Il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, ha confermato nella dichiarazione fatta il 07 febbraio 2024, che le norme che compongono il Piano Transizione 5.0 saranno visibili anche nel decreto legge sul PNRR, che sarà presto inviato al Consiglio dei Ministri.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.