Anno: XXV - Numero 132    
Martedì 23 Luglio 2024 ore 13:20
Resta aggiornato:

Home » I Conservatori di Meloni superano i liberali di Macron

I Conservatori di Meloni superano i liberali di Macron

Con 83 membri, il gruppo Ecr spodesta dal terzo gradino del podio, dietro popolari e socialisti, i macroniani di Renew Europe.

I Conservatori di Meloni superano i liberali di Macron

I Conservatori e Riformisti Europei (Ecr) diventano il terzo gruppo al Parlamento Europeo, superando i Liberali di Renew Europe. Lo comunica l’Ecr. Il gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei al Parlamento Europeo ora conta 83 membri, grazie ad una seconda tornata di adesioni, spodestando, almeno per ora, il gruppo Renew dal terzo posto in Parlamento. Alla riunione di oggi dell’Ecr a Bruxelles sono stati formalmente ammessi nuovi deputati: Kristoffer Storm del partito democratico danese; Ivaylo Valchev del partito bulgaro “C’è un popolo simile”; Aurelius Veryga del partito Unione Lituana degli Agricoltori e dei Verdi; gli eurodeputati francesi Marion Maréchal, Guillaume Peltier e Laurence Trochu, che hanno lasciato Reconquête per formare un nuovo partito conservatore insieme a Nicolas Bay, che era già membro del gruppo; e Claudiu-Richard Tarziu, Gheorghe Piperea, Maria-Georgiana Teodorescu, Adrian-George Axinia e il serbo Dimitrie Sturdza, dell’Alleanza per l’Unione dei Romeni. Il 26 giugno è prevista la riunione costitutiva del gruppo, con l’elezione del presidente. Con la decisione di oggi gli eurodeputati entrano a far parte del gruppo Ecr, ma i loro partiti non diventano automaticamente membri del partito Ecr, presieduto da Giorgia Meloni.

“Le elezioni hanno chiaramente spostato il baricentro dell’Europa verso destra e io penso che al di là di quello che accadrà adesso”, con la partita sugli incarichi apicali, “si possa disegnare un cambio di passo nell’attuale Parlamento. Sui vari dossier si vedrà che quel cambio sulle materie, sulle priorità, sul modo di leggere alcune politiche”. Lo ha detto la premier, Giorgia Meloni, all’evento per i 50 anni de ‘il Giornale’. Sulla partita delle nomine in Ue “non si profila attualmente il cambio di passo che era stato immaginato”, questa situazione è anche frutto delle elezioni dalle quali è emerso “un risultato di diversificazione non sufficiente a cambiare il quadro”, ha sottolineato. “Quello dei conservatori europei, che ho l’onore di presiedere, è diventato il terzo gruppo”, ha annunciato. “Il mio ruolo è di organizzare il fronte alternativo alla sinistra, dialogando con tutti e aggregando”, ha rimarcato.

Da Huffpost

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Renzi indica la via: «Noi a sinistra»

Renzi indica la via: «Noi a sinistra»

22 Luglio 2024

Il leader di Iv: «Il campo largo unica alternativa a lustri di governo Meloni» Caccia al riposizionamento: lo spazio al centro si riduce ma c’è chi non ci sta. Marattin si sfila, Calenda lo attacca.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.