Anno: XXI - Numero 165    
Venerdì 7 Agosto 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Tribunali paralizzati, il video sui social di un gruppo di avvocati: “Non ti posso difendere”

Tribunali paralizzati, il video sui social di un gruppo di avvocati: “Non ti posso difendere”

A “Stasera Italia” l'iniziativa "La rottamazione della giustizia" che denuncia il blocco dei processi a causa dell'emergenza sanitaria

Tribunali paralizzati, il video sui social di un gruppo di avvocati: “Non ti posso difendere”

File chilometriche per una sola notifica. Dall’inizio del lockdown sono più di 15mila le udienze rinviate fino al 2021 o, addirittura, al 2022. La paralisi del sistema giudiziario nella Capitale ha stimolato la creatività di un gruppo di avvocati che hanno lanciato un video sui social, diventato poi virale, nel quale denunciano quella che chiamano “La rottamazione della giustizia”. “Non ti posso difendere” è lo slogan pensato dagli avvocati romani. “L’abbiamo ideato – spiega ai microfoni di “Stasera Italia” l’avv. Onorio Laurenti – per denunciare la paralisi della giustizia”. “Attualmente solo il 20% dei processi viene celebrato”, racconta invece un altro giurista. Una situazione che non migliora neppure negli uffici del Giudice di Pace della Capitale dove rispetto alle 40 udienze giornaliere, prima del Covid, ora si tengono non più di 4 udienze al giorno per ogni singolo giudice. “I cancellieri lavorano da casa – spiega infine Stefano Radiconi, presidente dell’Associazione Libertà e Dignità Forense – con uno smart working che di fatto non è mai partito”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Togati Csm eletti col sorteggio, c’è già il no della magistratura

Togati Csm eletti col sorteggio, c’è già il no della magistratura

06 Agosto 2020

Nella riforma che sarà discussa oggi in Consiglio dei ministri è stata reinserita in extremis l’estrazione a sorte dei candidati, seppure in versione light. Ma due leader dell’associazionismo giudiziario, Albamonte e Sangermano, bocciano il sistema: «Produrrà solo nuove distorsioni»

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.