Anno: XXI - Numero 165    
Venerdì 7 Agosto 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Rpt: consegnate al Senato le proposte per il miglioramento del dl semplificazione

Rpt: consegnate al Senato le proposte per il miglioramento del dl semplificazione

Lo scorso 27 luglio la Rete Professioni Tecniche ha partecipato all’audizione, sulla conversione in legge del decreto-legge 76/2020, c.d. DL Semplificazione, presso le Commissioni riunite 1ª (Affari Costituzionali) e 8ª (Lavori pubblici, comunicazioni) del Senato della Repubblica

Rpt: consegnate al Senato le proposte per il miglioramento del dl semplificazione

Anche in questa occasione la RPT ha fornito il proprio contributo ai lavori parlamentari attraverso la presentazione di una memoria che riporta le proposte emendative in massima parte riguardanti le misure in materia di lavori pubblici e di edilizia. È stata segnalata l’opportunità di introdurre una serie di modifiche al decreto finalizzate ad incentivare gli investimenti pubblici durante il periodo emergenziale, prevedendo per le gare di progettazione di lavori di ingegneria e architettura – sia d’importo sotto soglia che sopra soglia – l’utilizzo delle procedure semplificate già previste per l’affidamento di lavori, servizi e forniture.

La RPT ha allo stesso tempo proposto l’introduzione di disposizioni volte a chiarire e semplificare i contenuti necessari dei livelli di progettazione ed ha ribadito la necessità di rilanciare le attività dei professionisti tecnici prevedendo, sino al 31 dicembre 2021, l’affidamento prioritario dei servizi di progettazione agli operatori economici di cui all’art. 46, co. 1 del codice e disponendo, pertanto, la opportuna esternalizzazione dell’affidamento della progettazione, allo scopo di qualificare il progetto e di rendere l’iter amministrativo più snello.

Ai Senatori riuniti è stata inoltre segnalata l’urgenza di rendere meno onerosa la partecipazione alle gare di affidamento diretto, senza tuttavia incidere negativamente sulle disposizioni a tutela della legalità e trascurare in particolare le misure antimafia.

Successivamente, per superare problematiche relative ai contratti in corso d’opera e per agevolare il lavoro dei professionisti tecnici, è stato previsto che il Collegio Tecnico Consultivo, previsto dal decreto, sia nominato di comune accordo fra Stazione appaltante ed appaltatore e, comunque, composto da soggetti dotati di esperienza pratica nel settore. Al medesimo scopo di favorire le attività dei professionisti e stimolare il mercato, è stata proposta l’istituzione di un Fondo di rotazione per l’affidamento di servizi d’ingegneria ed architettura e la relativa cabina di regia da istituire presso il MIT.

Di particolare rilevanza la modifica relativa alla regolarità fiscale dei concorrenti alla procedura di gara, volta, da un lato a tutelare le posizioni della stazione appaltante e, dall’altro, ad eliminare la possibilità di esclusione dell’operatore economico che non sia in regola con il pagamento di imposte e tasse qualora questi abbia pagato o si sia impegnato a pagare nel corso della procedura di gara.

Sono stati, poi, proposti una serie di interventi volti a dare la massima attuazione agli incentivi in tema di ecobonus e sismabonus: da una effettiva implementazione del principio di sussidiarietà dalle amministrazioni nei confronti dei professionisti tecnici ad una serie di norme volte a snellire il d.P.R. 380/2001, nelle more della sua integrale riforma.

Gli interventi di modifica hanno inoltre riguardato anche la limitazione del controllo da parte della P.A. sugli Ordini e Collegi territoriali che, per loro natura, non utilizzano finanza pubblica per il loro funzionamento. Con riguardo agli Ordini e Collegi è stata poi prevista una rimodulazione della propria potestà impositiva entro i limiti strettamente necessari a coprirne le spese di gestione.

Particolare accento è stato posto sulla responsabilità professionale, in particolar modo sul termine di decorrenza dei termini prescrizionali, affinché si eviti ogni potenziale preclusione irragionevole all’attività professionale.

In conclusione, sono state previste una serie di modifiche alle norme proposte atte a favorire l’uso degli strumenti elettronici finalizzati, ad esempio, ad incrementare l’uso della PEC, ed assicurando al completamento dei percorsi di transizione digitale, con l’obiettivo di agevolarne l’operatività e di velocizzare le comunicazioni tra professionista ed amministrazioni.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Dai commercialisti nessun corporativismo ma richiesta di ascolto

Dai commercialisti nessun corporativismo ma richiesta di ascolto

06 Agosto 2020

Matteo de Lise. Invece di prendere atto dei problemi oggettivi sollevati dai professionisti esprime considerazioni che non fanno che rendere ancora più evidente la distanza siderale che separa una certa politica dalla quotidianità di imprese e professionisti

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.