Anno: XXV - Numero 28    
Venerdì 23 Febbraio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Non per essere servito ma per servire

Non per essere servito ma per servire

Dopo il comunicato ufficiale della Corte Costituzionale sul doppio mandato, qualche ineleggibile si è fatto da parte ma il Gotha resiste

Non per essere servito ma per servire

Le parole del versetto evangelico di Marco, 10, 45, sono sempre intensamente affascinanti e coinvolgenti per ogni uomo che le ascolta, e sempre in ogni epoca e situazione della storia, per tanti credenti e sicuramente anche per tanti non credenti, sono risuonate come un luminoso messaggio per il vivere dell’umanità e per molti un vero programma di vita. Ma i cd. “ineleggibili” resistono per servire o per essere serviti? La pagina del Vangelo di Marco, con cui Gesù invita i suoi discepoli a non seguire le ordinarie logiche del potere o della ricerca di ciò che fa primeggiare sugli altri, annunzia un diverso ordine di grandezza cui i suoi discepoli sono chiamati ad adeguarsi: “Tra voi, però, non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà nostro servitore”. Ora è fuor di dubbio che tra i cd. “ineleggibili” c’è qualcuno che effettivamente vuole servire, ma la stragrande maggioranza insegue il potere forense e il desiderio di essere comunque serviti. L’avvocato, nell’esercizio del suo ministero, vigila sulla conformità delle leggi ai principi della Costituzione e dell’ordinamento dell’Unione Europea e sul rispetto dei medesimi principi, nonché di quelli della convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, a tutela e nell’interesse della parte assistita. Le norme deontologiche sono essenziali per la realizzazione e tutela dell’affidamento della collettività e della clientela, della correttezza dei comportamenti, della qualità ed efficacia delle prestazioni professionali. L’avvocato deve esercitare l’attività professionale con indipendenza, lealtà, correttezza, probità, dignità, decoro, diligenza e competenza, tenendo conto del rilievo costituzionale e sociale della difesa, rispettando i principi della corretta e leale concorrenza. L’avvocato, anche al di fuori dell’attività professionale, deve osservare i doveri di probità, dignità e decoro, nella salvaguardia della propria reputazione e dell’immagine della professione forense. Tutti questi principi stanno scritti, da tempo, nel Codice deontologico forense. È desolante vedere i nostri apicali incollarsi perpetuamente alle poltrone sul presupposto di uno spirito di servizio che non invecchia in botte. Siamo a un punto di non ritorno. Dopo ci sarà solo la ribellione in massa e la fine della nostra categoria.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Il no al terzo mandato frantuma l’opposizione

Il no al terzo mandato frantuma l’opposizione

23 Febbraio 2024

Il "no" di FdI e FI in commissione Affari costituzionali del Senato alla proposta della Lega, bocciata dalla commissione, non ha riflessi sulla compattezza e l’attività di governo ma provoca una bordata dei bonacciniani a Schlei.

La politica tallone d’Achille del Ssn

La politica tallone d’Achille del Ssn

20 Febbraio 2024

Snami esprime profonda preoccupazione riguardo le parole del Ministro della Salute che individua nel territorio il punto debole del sistema durante la pandemia.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.