Anno: XX - Numero 190    
Martedì 12 Novembre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » La politica delle ideologie e la politica delle idee.

La politica delle ideologie e la politica delle idee.

La realtà delle cose è desolante. Lo stato di abbandono morale e l'inconsistenza delle coscienze, dovuta alla mancanza di contenuti etici, rafforza "la paura e diffidenza ", la paura di proporsi, di cercare degli stimoli...la paura di creare...la paura di ottenere

La politica delle ideologie e la politica delle idee.

La griglia del sistema che impachetta le coscienze e la professione sino al mancato rispetto delle regole della legalità e dei fondamenti democratici delle rappresentanze, anestetizza le masse , servili ed inconsistenti, il cui unico obiettivo è la sopravvivenza come unica forma di autotutela.  Si osserva la realtà, si ragiona sulla stessa e ci si accorge che non serve l’alternanza ma la vera alternativa. Coloro che hanno idee , competenze e talento hanno il compito di far emergere i contenuti. Ma anche le cosiddette ideologie hanno fallito, ridotte a gabbie dalle maglie strette che impediscono al libero pensiero di muoversi, spaziare e criticamente confrontarsi con l’ideologia stessa , per farla crescere e maturare al cambiamento della realtà che l’ha prodotta.  Insieme alle ideologie si rischia di sotterrare anche le idee che “lavorano per pensare bene”. Le ideologie sono “idee fisse”dominate dalla fredda intelligenza che non vive, non soffre, non ama …incapaci talvolta di trovare un senso nel percorso della vita, intesa in senso lato, come cosciente interazione tre se stessi e la socialità. La politica retta dalle idee, quelle vive, quelle vere, quelle capaci di rimodularsi in base all’essere ed al sentire di chi le propone, si alimentano continuamente di desiderio di conoscenza, una conoscenza globale,  capace di inoltrarsi nelle regioni più lontane dell’animo e delle esigenze cui si rivolgono per meglio soddisfarle… nella consapevolezza dell’incertezza delle risposte e soluzioni.  Lo sforzo è enorme per cercare di ridare una ricarica emotiva nel torpore quotidiano dell’appiattimento intellettuale. È un desiderio che non si placa perché è coscienza di sé,  di ciò che si è e che si vuole diventare, nonostante le apparenti metamorfosi che il sistema intende proporci come risolutive ma che in realtà celano conservazione e mero consolidamento di interessi precostituiti e diffusi in maniera settoriale ed elitaria. Il desiderio di andare oltre nel continuo divenire che non ci appaga, questa la vera forza delle idee , quelle che riescono a dare un senso alla vita…quelle che “resistono all’invasione degli eserciti”…quelle che camminano da sole e non si fanno ricattare da nessuna ideologia.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.