Anno: XXV - Numero 30    
Martedì 27 Febbraio 2024 ore 13:15
Resta aggiornato:

Home » Equo compenso giornalisti, Bonafede: la libertà d’informazione nasce da qui

Equo compenso giornalisti, Bonafede: la libertà d’informazione nasce da qui

Il tema del compenso dei giornalisti è stato al centro di un incontro che si è svolto ieri al Ministero della Giustizia

Equo compenso giornalisti, Bonafede: la libertà d’informazione nasce da qui

Il dicastero guidato da Alfonso Bonafede si è impegnato, attraverso i propri uffici, a colmare il vuoto normativo sui parametri per il compenso dell’attività giornalistica. Alla riunione di questa mattina hanno preso parte i vertici tecnici del Ministero della Giustizia, il sottosegretario Jacopo Morrone, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna e Mattia Motta segretario generale aggiunto della Fnsi (Federazione Nazionale Stampa Italiana). Il tavolo tecnico è stato aggiornato a settembre quando il Ministero presenterà la proposta di modifica legislativa. Per il Guardasigilli, Alfonso Bonafede, “la libertà d’informazione si garantisce e si riconosce, prima di tutto, assicurando la dignità professionale ai giornalisti. Un cronista che viene pagato anche solo 3 euro per ogni articolo, non potrà mai essere libero, caratteristica fondante della professione per poter dare ai cittadini una piena e corretta informazione che è la base di ogni democrazia”. Soddisfatto il sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morrone: “La questione dell’equo compenso è più che mai attuale per tutti gli Ordini vigilati e necessita di un intervento urgente. Per i giornalisti, in particolare, emergono situazioni lavorative davvero poco dignitose per professionisti che hanno grandi responsabilità connesse alla loro attività, per il cui esercizio sono essenziali equilibrio e obiettività, oltre a conoscenze approfondite e formazione continua. Valuteremo le istanze dell’Ordine con attenzione e disponibilità, considerando in primo luogo la necessità di valorizzare e dare certezze a questi professionisti su parametri condivisi per quel che riguarda i compensi spettanti per il loro lavoro”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.