Anno: XXI - Numero 45    
Giovedì 27 Febbraio 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Proroga al 31 gennaio per contributi sisma

Proroga al 31 gennaio per contributi sisma

A comunicarlo è l'Istituto con messaggio n. 125/2020 a seguito delle richieste della Categoria

Proroga al 31 gennaio per contributi sisma

Dopo reiterate richieste da parte del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, l’Inps con un messaggio n.125 del 15 gennaio 2020  ha comunicato la proroga della scadenza per il versamento e rateizzazione dei contributi sospesi nelle aree del cratere sismico nei territori delle Regioni Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo in data 24 agosto 2016, 26 e 30 ottobre 2016 e 18 gennaio 2017. La ripresa degli adempimenti e dei versamenti contributivi sospesi- si legge – potrà avvenire a decorrere dal 15 gennaio 2020 ed entro il 31 gennaio 2020. Entro tale termine, gli aventi diritto dovranno, pertanto, provvedere al versamento della contribuzione sospesa in unica soluzione, senza applicazione di sanzioni e interessi, ovvero alla presentazione in via telematica delle domande di rateizzazione del pagamento dei contributi sospesi e al versamento dell’importo della prima rata, senza applicazione di sanzioni e interessi. L’Inps precisa inoltre che la riduzione alla misura del 40% della contribuzione dovuta costituisce aiuto alle imprese soggette all’obbligo di registrazione nel Registro nazionale degli Aiuti di Stato (RNA), istituito ai sensi dell’articolo 52 della legge 24 dicembre 2012, n. 234, le cui modalità di funzionamento sono disciplinate dal D.M. 31 maggio 2017, n. 115, nei limiti del massimale del de minimis, anche con riferimento ai contributi dovuti dai lavoratori iscritti alle gestioni degli artigiani e dei commercianti e dei liberi professionisti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Smart working: i lavoratori occupabili

Smart working: i lavoratori occupabili

26 Febbraio 2020

Rosario De Luca. Sono evidenti i benefici per il dipendente che lavora da casa in termini di conciliazione vita privata e lavoro, riduzione dei tempi e dei rischi legati allo spostamento casa-lavoro

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.