Anno: XXV - Numero 110    
Venerdì 21 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Conferenza annuale di Confassociazioni: Politici e imprenditori a confronto per lo sviluppo del Paese

Conferenza annuale di Confassociazioni: Politici e imprenditori a confronto per lo sviluppo del Paese

Sinergia, condivisione, rete, tra diverse esperienze – politiche, imprenditoriali, sociali – per il rilancio del Paese

Conferenza annuale di Confassociazioni: Politici e imprenditori a confronto per lo sviluppo del Paese

È stato questo il filo conduttore della Conferenza annuale di Confassociazioni, tenutasi ieri pomeriggio a Montecitorio, presso la nuova Aula dei gruppi parlamentari. “Per rilanciare il futuro del nostro Paese serve un colpo di reni evocativo, un ‘new deal’, un nuovo orizzonte di cose semplici da fare per ritrovare quello che abbiamo perso durante la crisi”. È così che il presidente di Confassociazioni, Angelo Deiana, inquadra la mission messa in campo dalla Confederazione, composta da 425 associazioni e con più di 750mila professionisti iscritti, di cui circa 136mila imprese. “La nostra – aggiunge – è una vera e propria sfida di cambiamento, complessa ma sincera. Investire e non chiedere. Un Paese, denso di intelligenza e di cultura, di professionalità e di imprenditorialità, che vuole essere di servizio del mondo per produrre ricchezza e benessere per tutti. L’Italia è un Paese che potrebbe essere leader di uno dei grandi vantaggi competitivi del futuro: quel ‘soft power’ di innovazione, leadership culturali e solidarietà che può farlo diventare un nuovo ponte strategico che vada da Stoccolma a Città del Capo o da Lisbona a Pechino. Per questo bisogna mobilitare e liberare le forze economiche e sociali del Paese, tutte insieme”. “L’Italia ha bisogno di essere rilanciata. Per farlo, dobbiamo partire dal rispetto della nostra identità, la resilienza e la capacità di innovare, di capire i cambiamenti e di essere rivoluzionari”, aggiunge dal canto suo Gianni Lattanzio, vicepresidente Confassociazioni international, convinto che vada messa al centro la “dimensione della persona”, attraverso l’associazionismo, “il luogo più giusto, dove si condivide la dimensione civica”. Andrea Cioffi, Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, considera la “cooperazione tra aziende” alla stregua di “un valore aggiunto”, dal momento che “permette il raggiungimento di risultati che il singolo non riuscirebbe mai a ottenere”. “L’Italia ha una grandissima quantità di menti brillanti, che vanno poi però all’estero. Noi dobbiamo essere in grado di fare sinergia”, continua l’esponente del governo, che punta poi l’attenzione sullo sviluppo dell’intelligenza artificiale, “una sfida che vorremmo lanciare”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Notizie Correlate

Il 2 luglio Confassociazioni celebra il decennale della sua fondazione.

Il 2 luglio Confassociazioni celebra il decennale della sua fondazione.

19 Giugno 2024

Deiana: “il prossimo 2 luglio grande chiusura del nostro decennale con la terza edizione dei Confassociazioni Awards a cui interverrà un parterre straordinario di premiati e partecipanti”Deiana: “il prossimo 2 luglio grande chiusura del nostro decennale con la terza edizione dei Confassociazioni Awards a cui interverrà un parterre straordinario di premiati e partecipanti”.

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.