Anno: XXV - Numero 57    
Venerdì 19 Aprile 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Sistemi di gestione dell’energia Iso 50001 e la sostenibilità

Sistemi di gestione dell’energia Iso 50001 e la sostenibilità

Cos’è 50001?.

Sistemi di gestione dell’energia Iso 50001 e la sostenibilità

La norma ISO 50001, “Sistemi di gestione dell’energia – Requisiti e linee guida per l’uso” è una normativa sviluppata dagli esperti degli organismi nazionali di normalizzazione di oltre 60 paesi membri ISO, con lo scopo di garantire la coerenza e la validità delle prestazioni energetiche in tutto il mondo.  La ISO 50001 definisce un quadro di gestione dell’energia per stabilire politiche, processi, procedure e compiti energetici specifici per soddisfare gli obiettivi energetici.

Questo documento fornisce i requisiti per un processo sistematico, basato sui dati raccolti e incentrato sul miglioramento continuo delle prestazioni energetiche. La prestazione energetica è un concetto correlato all’efficienza energetica, all’uso e al consumo di energia. Gli indicatori di prestazione energetica e le linee di base energetiche sono due elementi correlati affrontati nella ISO 50001 per consentire alle organizzazioni di dimostrare il miglioramento delle prestazioni energetiche.

 

Gli obiettivi della 50001

L’obiettivo della norma ISO 50001 è quello di permettere alle organizzazioni di realizzare e mantenere un Sistema di Gestione dell’Energia (SGE) che consente di migliorare in modo continuo la propria prestazione energetica. La ISO 50001 specifica i requisiti che deve avere un sistema di gestione dell’energia, mettendo in grado un’organizzazione di avere un approccio sistematico per un miglioramento continuo delle proprie prestazioni energetiche, tenendo conto anche degli obblighi legali. 

La norma, quindi definisce i requisiti applicabili all’uso e consumo dell’energia, includendo l’attività di: 

-misurazione

-documentazione

-progettazione 

-acquisto per le attrezzature

I vantaggi della certificazione ISO 50001

La ISO 50001 offre diversi vantaggi misurabili in termini di costi per le organizzazioni di qualsiasi dimensione e settore. Consente di ottenere uno strumento per ottimizzare sistematicamente le prestazioni energetiche e promuovere una gestione energetica più efficiente. Con una certificazione ISO 50001 le aziende sono in grado di: 

-maturare conoscenza del consumo energetico al proprio interno

-monitorare e ridurre (riuscendo a quantificare oggettivamente gli sforzi di riduzione) il proprio fabbisogno energetico

-valutare la conformità rispetto a vincoli legislativi e poterne così dare pubblico riscontro

-dimostrare con maggiore facilità il rispetto degli obblighi cui è sottoposta l’organizzazione (dal mondo esterno o per autodeterminazione, ovvero obblighi legislativi o impegni derivanti dalla propria politica sull’energia, ad esempio) 

-sviluppare in maniera credibile la propria reputazione ambientale. 

Il rapporto con la sostenibilità

Lo standard ISO 50001, focalizzato sulla creazione e il miglioramento di un sistema di gestione dell’energia  (EnMS) gioca un ruolo fondamentale nel promuovere la sostenibilità aziendale. Questo standard internazionale pone l’energia al centro delle attività dell’azienda.

Implementando questo standard, le aziende dimostrano il proprio impegno nel migliorare la gestione d’energia e questo non solo rafforza il benessere dell’azienda, ma rafforza anche la cultura sostenibile all’interno dell’organizzazione.

Articolo tratto dal sito web di Professioni in Team

Redazione: Stragroup SPA

https://bit.ly/3uLrP7z

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Transizione 4.0: credito d’imposta anche prima del 2023

Transizione 4.0: credito d’imposta anche prima del 2023

19 Aprile 2024

Il ministro delle imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, ha dichiarato che per gli investimenti fatti prima del 2023 prevale la FAQ dell'Agenzia delle Entrate che specifica che i crediti possono essere compensati con il modello F24, indicando l'anno in cui è iniziato l'investimento.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.