Anno: XXV - Numero 111    
Lunedì 24 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Fotovoltaico: installazione a terra per le zone agricole, negato per la Cer

Fotovoltaico: installazione a terra per le zone agricole, negato per la Cer

La stesura definitiva dell'articolo 5 del Decreto Legge Agricoltura stabilisce che l'installazione di impianti fotovoltaici con moduli posti al suolo in aree classificate come “agrarie” dai vigenti piani urbanistici sarà consentita limitatamente ad interventi di modifica, ricostruzione, miglioramento o ricostruzione integrale di impianti già installati.

Fotovoltaico: installazione a terra per le zone agricole, negato per la Cer

E purché non comportino un aumento della superficie occupata.

Fotovoltaico: salvacondotto

La sospensione del consumo di suolo, invece, non si applicherà nel caso di progetti che prevedano impianti fotovoltaici a terra destinati alla realizzazione di una comunità di energia rinnovabile (CER).

Inoltre, non si fermeranno i progetti di attuazione delle altre misure di investimento del PNRR e del Piano nazionale degli investimenti (Pnc).

Pertanto, i progetti necessari al raggiungimento degli obiettivi del PNRR non verranno bloccati. Salvaguardia anche per i “procedimenti di qualificazione, autorizzazione e valutazione ambientale già avviati alla data di entrata in vigore del decreto”.

Fotovoltaico: procedure autorizzative

La domanda è: dovrebbero queste esclusioni salvare tutti gli investimenti previsti dal legislatore? La risposta è semplice: Probabilmente no, visto che il Pniec (Piano Nazionale Energia e Clima) e la legge n. 11/2024 sulla sicurezza energetica, prevedono che gli investimenti nel fotovoltaico e nelle innovazioni elettriche raggiungano i rispettivi obiettivi.

Le procedure autorizzative già in corso alla data di entrata in vigore del Decreto Agricoltura continueranno secondo le normative precedenti.

L’art. 9, del decreto istituisce un nuovo comando delle unità forestali, ambientali e agroalimentari dipendenti dal Ministero dell’Agricoltura, mantenendo alcune dipendenze funzionali del Ministero dell’Interno e del Ministero dell’Ambiente.

L’art. 11, crea un nuovo dipartimento presso la Presidenza del Consiglio di Politica Marittima.

L’art. 12, affronta la scarsità idrica, imponendo l’approvazione di provvedimenti urgenti entro il 30 giugno 2024.

Fino alla fine di maggio 2024, le Autorità di bacino distrettuali dovranno inviare al commissario straordinario le misure immediate da adottare e, entro il 31 ottobre 2024, il riconoscimento delle risorse per combattere la scarsità idrica e rafforzare le infrastrutture esistenti.

Articolo tratto dal blog di ZeroF24

Redazione: Stragroup Spa

https://bit.ly/44JNGK8

 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

18 Giugno 2024

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha consentito di destinare risorse aggiuntive per 850 milioni di euro all'investimento denominato “Parco Agrisolare” (missione 2, componente 1, investimento 2.2),

Transizione energetica: super aiuti all’industria

Transizione energetica: super aiuti all’industria

11 Giugno 2024

Le aziende esposte ad un rischio reale di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio potranno presentare richieste di aiuti del Fondo per la transizione energetica nel settore industriale, questo sarà possibile dal 10 giugno al 30 giugno 2024.

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

06 Giugno 2024

Le richieste di compensazione del credito d'imposta 4.0 sui beni devono essere presentate attraverso una nuova funzionalità semplificata tramite la piattaforma disponibile sul sito del GSE (Gestore Servizi Energetici), non più a mezzo pec.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.