Anno: XXV - Numero 110    
Venerdì 21 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Cybercrime: a Catania protocollo tra Polizia di Stato e Ordini Professionali avvocati, commercialisti e notai

Cybercrime: a Catania protocollo tra Polizia di Stato e Ordini Professionali avvocati, commercialisti e notai

Alla presenza del Questore di Catania siglati i protocolli d’intesa tra Polizia di Stato ed il Consiglio notarile dei Distretti riuniti di Catania e Caltagirone, l’Ordine degli Avvocati di Catania e l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania

Cybercrime: a Catania protocollo tra Polizia di Stato e Ordini Professionali avvocati, commercialisti e notai

Alla presenza del Questore di Catania, dott. Alberto Francini, sono stati siglati, lo scorso 18 maggio, i protocolli d’intesa tra Polizia di Stato ed il Consiglio notarile dei Distretti riuniti di Catania e Caltagirone, l’Ordine degli Avvocati di Catania e l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania per la prevenzione e il contrasto dei crimini informatici che hanno per oggetto, nella loro complessità, i sistemi informativi “critici” dei rappresentanti professionali etnei. Le convenzioni sono state firmate, ciascuno per la rispettiva categoria professionale, dal Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Sicilia Orientale dott. Marcello La Bella e dai Presidenti del Consiglio notarile dei Distretti riuniti di Catania e Caltagirone, Ordine degli Avvocati di Catania e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania. Con questi accordi le parti si impegnano ad adottare procedure di intervento e di scambio di informazioni utili a contrastare più efficacemente i crimini informatici, frodi informatiche, accessi abusivi ai sistemi informatici o telematici, spionaggio o violazione dell’identità digitale, con finalità di interruzione dei servizi di pubblica utilità, indebita sottrazione di informazioni o di qualsiasi ulteriore attività illecita. I crimini informatici rappresentano, subito dopo gli eventi di calamità naturale, uno dei principali pericoli del pianeta in termini di impatto. Il mondo dei professionisti si trova ad affrontare l’evoluzione normativa per il corretto sviluppo economico e sociale del Paese in cui operano e l’adozione di misure di sicurezza adeguate per i propri sistemi informativi per prevenire i reati commessi attraverso la rete. In tale ambito, le convenzioni firmate oggi si ispirano al principio di sicurezza partecipata, al fine di assicurare in via sinergica ed efficiente le risorse del Sistema Paese a vantaggio dell’intera collettività. La Polizia di Stato svolge già da tempo, in via esclusiva, tramite il C.N.A.I.P.I.C., Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, una rilevante attività di prevenzione e repressione dei crimini informatici, di matrice comune, organizzata o terroristica, che hanno per obiettivo le infrastrutture informatizzate di natura critica e di rilevanza nazionale.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Consulenza del lavoro parte integrante della professione dei commercialisti.

Consulenza del lavoro parte integrante della professione dei commercialisti.

07 Giugno 2024

Il presidente dell’Ungdcec chiarisce che con lo svolgimento della consulenza del lavoro da parte dei dottori commercialisti e degli esperti contabili non sottrae competenze ad altre professioni e non crea alcun danno all’interesse pubblico e ancora meno alla stabilità delle casse di previdenza.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.