Anno: XX - Numero 176    
Martedì 22 Ottobre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Architetti. No all’appalto integrato

Architetti. No all’appalto integrato

Dal Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, Donato Carlea, nel corso del suo intervento alla Conferenza degli Ordini degli Architetti.

Architetti. No all’appalto integrato

L’importanza della centralità del progetto, stigmatizzando procedure come l’appalto integrato che consentono l’affidamento dei lavori in mancanza di un progetto esecutivo, è stata ribadita dal Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, Donato Carlea, nel corso del suo intervento alla Conferenza degli Ordini degli Architetti. Carlea ha anche espresso il proprio parere negativo su criteri di affidamento, fondati su elementi di valutazione discrezionali, come quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa, che non garantiscono di certo la trasparenza negli appalti.  Nella stessa occasione Giuseppe Rizzuto, direttore di Itaca, l’Istituto per la trasparenza negli appalti che costituisce il braccio operativo della Conferenza Stato-Regioni, ha annunciato che il Consiglio dell’organismo guidato dalla Presidente Anna Casini, ha già avviato i lavori per proporre alla Conferenza Stato-Regioni, entro il prossimo mese di ottobre, l’adozione dei bandi tipo per i concorsi di progettazione e per gli affidamenti di servizi di architettura e ingegneria ai liberi professionisti.  “I  bandi tipo, già adottati dalla Regione Siciliana ed oggi in fase di adozione da parte di Itaca – ha ricordato Rino La Mendola, Vicepresidente del Consiglio nazionale degli Architetti – puntano ad offrire alle stazioni appaltanti gli strumenti necessari per rilanciare i lavori pubblici, promuovendo i concorsi di progettazione e l’affidamento di servizi di architettura e ingegneria ai liberi professionisti e segnando così una proficua inversione di tendenza delle recenti politiche di centralizzazione della progettazione presso la pubblica amministrazione, da noi fortemente contestate.  Abbiamo contestato il Decreto Slocca cantieri – ha aggiunto La Mendola – in quanto è l’ennesima norma omnibus che modifica testi normativi di settore specifici, come il codice dei contratti ed il Testo Unico sull’edilizia e che, in mancanza di una visione strategica di insieme, rischiano di comprometterne l’impostazione globale ed alimentano ulteriore confusione. Lo Sblocca cantieri si caratterizza negativamente soprattutto per aver rilanciato l’appalto integrato: una procedura che, inseguendo un illusorio processo di semplificazione, relega il progetto ad un ruolo marginale nel processo di esecuzione delle opere pubbliche, alimentando varianti in corso d’opera, contenziosi ed incompiute e rischiando dunque di provocare criticità diametralmente opposte agli obiettivi che il governo intenderebbe raggiungere.” 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.