Anno: XXI - Numero 18    
Lunedì 20 Gennaio 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Oltraggio alla corte per i legali che fanno perdere tempo ai giudici

Oltraggio alla corte per i legali che fanno perdere tempo ai giudici

Lo propone Davigo facendo arrabbiare gli avvocati

Oltraggio alla corte per i legali che fanno perdere tempo ai giudici

Il presidente della II Sezione Penale presso la Corte suprema di cassazione e membro togato del Consiglio superiore della magistratura, intervistato da Il Fatto Quotidiano, ha sciorinato la sua ricetta. Ricetta che parte dall’esempio francese, visto che i cugini d’oltre Alpe hanno abolito il divieto di “reformatio in peius in appello”. In soldoni, se vieni condannato e ti appelli, può arrivarti una condanna più alta. In Italia, invece, questa cosa non è possibile. “Questa cosa, qui da noi, incentiva tutti a provarci: mal che ti vada, non rischi niente, anzi non vai in carcere e magari ti prendi pure la prescrizione. Perché non dovrebbero tentare? Perciò qui patteggiano in pochissimi e negli Usa quasi tutti: lì, se l’imputato si dichiara innocente, sceglie il rito ordinario e poi si scopre che era colpevole, lo rovinano con pene così alte che agli altri passa la voglia di provarci. In Italia puoi patteggiare senza dirti colpevole e poi financo ricorrere in Cassazione contro il patteggiamento che hai concordato”, il Davigo-pensiero. Un pensiero, però, che non piace affatto agli avvocati. Giovanni Malinconico, presidente dell’Organismo congressuale forense, ha così commentato all’Adnkronos le uscite del magistrato: “Le proposte di Davigo sono un intervento a gamba tesa ed è un’aberrazione che un componente togato dell’organo di autogoverno della Magistratura interferisca con scelte normative, peraltro usufruendo di un organo di stampa”. Il presidente dell’Ocf rincara la dose: “Il discorso di Davigo è un racconto giustizialista che avvalora la concezione della giurisdizione come potere, non sistema di tutele per i cittadini”. A Malinconico ha fatto eco Antonino Galletti, presidente del Consiglio degli avvocati di Roma: “La ricetta di Davigo si risolve in una formula molto semplice ed inaccettabile: ridurre i diritti e le garanzie per abbreviare i processi”. E aggiunge: “L’avvocatura si oppone a qualunque visione che individua nell’uomo libero un potenziale colpevole ancora da scoprire”. Ma le idee di Davigo non si esauriscono alla “Reformatio in peius”, anzi. Il magistrato suggerisce il reato di oltraggio alla Corte per tutti quegli imputati che cercando far perdere tempo alla corte: “Basterebbe consentire al giudice di valutare anche le impugnazioni meramente dilatorie per aumentare la pena”. Dulcis in fundo, un’altra stretta: “Fosse per me, rivedrei anche il patrocinio gratuito a spese dello Stato per i non abbienti, perché quella del abbienza è una categoria fantasiosa, perché molti imputati risultano nullatenenti. Così lo Stato paga i loro avvocati a piè di lista per tutti gli atti compiuti, e quelli compiono più atti possibile per aumentare la parcella…”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Zero tutele per i professionisti

Zero tutele per i professionisti

20 Gennaio 2020

Alcune misure contenute nel Jobs act per quanto riguarda il lavoro autonomo sono rimaste sulla carta, finendo per scadere e non entrando mai in vigore

Penalisti in sciopero il 28 gennaio

Penalisti in sciopero il 28 gennaio

17 Gennaio 2020

Ci sarà una astensione dalle udienze e una contemporanea manifestazione nazionale il 28 gennaio a Roma davanti alla Camera dei Deputati.

La magistratura scarica il lodo Conte

La magistratura scarica il lodo Conte

16 Gennaio 2020

La Costituzione non prevede distinzioni tra assolti e condannati fino al terzo grado. Mi: «serve un punto di equilibrio che garantisca la ragionevole durata del processo»

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.