Anno: XXV - Numero 86    
Venerdì 17 Maggio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » L’avvocatura sta perdendo la giurisdizione domestica.

L'avvocatura sta perdendo la giurisdizione domestica.

La permanenza dei nove illegali al Consiglio Nazionale Forense ci porterà dritti a questo.

L'avvocatura sta perdendo la giurisdizione domestica.

Nel 1986, con la pronuncia n. 284, la Consulta aveva detto chiaramente che il permanere illimitato dei Consiglieri Nazionali, nelle vesti di giudici speciali, all’interno dei Consigli Nazionali aventi funzioni di giudici disciplinari, era incompatibile con la funzione e che il legislatore sarebbe dovuto intervenire, ponendo un limite temporale a tale permanenza. Nel caso degli avvocati, il legislatore, nel 2012, è intervenuto, introducendo tale limite, con l’art. 34 della Legge n. 247/2012. Orbene, la violazione di tale limite, per ben nove componenti del Cnf, rende il Giudice speciale del tutto inidoneo a giudicare, e a nulla varrebbe la formazione dei collegi con l’esclusione degli illegali, visto che anche i “legali” hanno acclamato l’ufficio di presidenza composto da Consiglieri illegittimi. La Consulta ha detto con chiarezza, al punto 3.1.3.1., che la norma sul doppio mandato, che non è retroattiva, vale anche per il Cnf. I Consiglieri illegali del Cnf si devono immediatamente dimettere. In caso contrario, il primo avvocato che solleverà il problema in Cassazione, otterrà sicuramente una pronuncia in grado di paralizzare la giurisdizione domestica degli avvocati italiani. “Comunque, l’illimitata e incondizionata rieleggibilità, attualmente possibile sia rispetto ai Consigli locali che al Consiglio nazionale, potrebbe cagionare in qualche situazione-limite una certa vischiosità: la quale, ancorché non indicativa di violazione costituzionale in quanto non incidente sul requisito dell’indipendenza, potrebbe tuttavia indirettamente rifluire sulla limpidezza e trasparenza che gli organi giurisdizionali debbono sempre possedere in massimo grado. Il rimedio é però indubbiamente riservato al legislatore, il quale, procedendo alla prescritta e tanto ritardata revisione, dovrebbe valutare l’esigenza di modificare adeguatamente la normativa in discorso, introducendo per la rielezione un’appropriata disciplina limitativa, che escluda il rischio sopra rilevato.” Corte Cost. Sent. n. 284/1986

Tratto da Facebook

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

È SULLE COMPETENZE CHE SI GIOCA IL FUTURO DELL’IA

È SULLE COMPETENZE CHE SI GIOCA IL FUTURO DELL’IA

15 Maggio 2024

Secondo l’indagine della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, il 66,7% dei “testimoni privilegiati” interpellati ritiene che le nuove tecnologie porteranno benefici in termini di nuove skills e opportunità occupazionali. Fondamentale la formazione.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.