Anno: XX - Numero 207    
Venerdì 6 Dicembre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Crollo del mercato immobiliare

Crollo del mercato immobiliare

Il 43% delle case vale meno di 100.000 euro. Secondo il rapporto del notariato: solo lo 0,20% di fabbricati acquistati supera il milione

Crollo del mercato immobiliare

La maggior parte degli scambi effettuati nel primo semestre del 2019 “riguarda immobili nella fascia di prezzo tra 0 e 99.999 euro (pari al 43,15%, cui corrisponde un +6,51%, al confronto con lo stesso periodo del 2018) e tra 100.000 e 199.999 euro (38,88%, in aumento del +2,80% rispetto al primo semestre dell’anno scorso). E’ quanto emerge dal Rapporto Dati statistici notarili (pubblicato su www.notariato.it), secondo cui “lo 0,20% delle compravendite ha per oggetto fabbricati di valore superiore al 1.000.000 euro, con una diminuzione del -2,71%”, al confronto col 2018. Nelle fasce di prezzo inferiori a 200.000 euro rientrano l’82,03% degli acquisti di fabbricati e il 49,85% di quelli di terreni agricoli, mentre per i terreni edificabili il 68,26% del totale delle transazioni è inferiore ai 40.000 euro. Non solo, sempre secondo i dati forniti dal notariato

calano anche le surroghe, pari a meno del 10% delle operazioni

In base ai Dati statistici notarili, infatti, “in particolare, i finanziamenti sui fabbricati (numericamente più significativi) risultano in calo (-0,61%) per più di 1,000 operazioni su base semestrale. Segno negativo anche per i finanziamenti relativi a terreni edificabili (-1,59%)”, si legge. “A livello regionale si assiste a un ‘rimbalzo’ della Valle d’Aosta, che dopo il trend negativo degli anni scorsi fa registrare un +37,58%: segno positivo anche per il Friuli Venezia Giulia (+8,41%), per l’Abruzzo (+8,47%) e la Calabria (+8,58%), per contro, ‘trend’ particolarmente negativi si segnalano per il Molise (-12,74%) e la Basilicata (-16,74%)”, mentre sono “sostanzialmente invariate Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna”. In calo, evidenziano i notai, inoltre, le surroghe (-25,98%), che “ormai incidono meno del 10% delle complessive operazioni di finanziamento, dato per il quale è prevista un’inversione di tendenza nell’ultima parte dell’anno. In generale, prevalgono i finanziamenti di importo fino a 150.000 euro, ma è significativo anche l’aumento dei mutui di importo compreso tra i 200.000 e i 300.000 euro”, viene, infine, precisato nel dossier.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Prescrizione, la maratona dei penalisti

Prescrizione, la maratona dei penalisti

04 Dicembre 2019

Seconda giornata della maratona oratoria dell’Ucpi. L’ex presidente del Senato Schifani : «Mi stupisce come l’Anm abbia cambiato idea nel giro di poche settimane. Il vero vulnus da colmare sta nella fase delle indagini. Questa è una vera bomba sul diritto»

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.