Anno: XXI - Numero 143    
Mercoledì 8 Luglio 2020 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Tempi certi e linee guida sulla ripartenza della giustizia

Tempi certi e linee guida sulla ripartenza della giustizia

In 5 punti il manifesto dell'Organismo congressuale forense

Tempi certi e linee guida sulla ripartenza della giustizia

Una giustizia paralizzata dal 7 marzo e che senza provvedimenti urgenti rischia di diventare una “non giustizia” come ha detto il presidente dell’ordine degli avvocati di Genova Luigi Cocchi nell’ambito della manifestazione promossa dall’organismo congressuale forense, il braccio ‘politico’ degli avvocati italiani che in questi mesi si è seduto al tavolo con il ministero della Giustizia per la gestione dell’emergenza, ma che ora chiede una ripartenza con tempi certi. Cinque i punti cristallizzati in un manifesto: un piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici giudiziari per consentire la ripresa delle udienze in presenza, linee guida per la ripresa uniforme dell’attività su tutto il territorio nazionale, la copertura di piante organiche per magistrati e cancellerie, la dotazione di adeguati strumenti informatici per le attività da remoto e, infine, l’aumento del fondo di dotazione del patrocinio a spese dello Stato. “Il ministro aveva detto che la ripartenza della giustizia sarebbe stata anticipata al 1 luglio – spiega Alessandro Vaccaro, tesoriere dell’ Ocf – ma a una settimana da quella data nessun provvedimento è stato emesso”. Così i magistrati che avevano procedimenti fissati a luglio hanno cominciato a rinviarli a dopo l’estate o addirittura nel 2021: “Al momento l’attività è ripresa intorno al 10-15% con un cumulo di arretrati che peserà ulteriormente sul sistema – dice ancora Vaccaro – Noi avevamo fra l’altro chiesto in questa fase di poter celebrare le udienze al pomeriggio e anche di saltare quest’anno la sospensione feriale per smaltire i processi non fatti in questi mesi ma le nostre proposte sono cadute nel silenzio”. Il ministero nella fase di emergenza ha delegato i presidenti dei Tribunali a dettare le regole per la celebrazione delle udienze e l’accesso agli uffici con il risultato di avere “140 legislazioni diverse nel Paese”. Per questo tra le richieste c’è quella di avere “linee guida uniformi” e soprattutto e “tempi certi per la ripartenza, perché se non arrivano decisioni a breve rischiamo di non riuscire a rimettere in modo il sistema prima della fine dell’anno e questo sarebbe un grave danno per i cittadini e per l’intero Paese”.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.