Anno: XXI - Numero 143    
Mercoledì 8 Luglio 2020 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » La lettera dei penalisti alle istituzioni per la separazione delle carriere dei magistrati

La lettera dei penalisti alle istituzioni per la separazione delle carriere dei magistrati

La questione diventa di più stringente attualità in quanto si vuole impedire perfino il confronto ed il dibattito su quella proposta

La lettera dei penalisti alle istituzioni per la separazione delle carriere dei magistrati

L’Unione Camere Penali Italiane, con una lettera del 22 giugno u.s. indirizzata a Vito Crimi, Nicola Zingaretti, Matteo Renzi e Pietro Grasso, si appella pubblicamente ai rappresentanti politici della maggioranza di governo affinché la proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare per introdurre la separazione delle carriere dei Magistrati venga discussa in Parlamento. Settantaquattromila cittadini italiani hanno firmato per chiedere l’introduzione di questa riforma costituzionale, l’unica riforma che può rendere i Pubblici Ministeri indipendenti dalla politica e rendere i Giudici indipendenti dai Pubblici Ministeri. Sarebbe davvero sorprendente, ed anzi di inaudita gravità, che attraverso degli emendamenti soppressivi si pretendesse di impedire il confronto ed il dibattito su quella proposta, in spregio alla sua natura di iniziativa popolare e alla partecipazione diretta dei cittadini alla formazione delle leggi.  Ne avevamo già parlato il 4 giugno scorso (cfr. https://ivl24.it/unione-camere-penali-e-separazione-delle-carriere/ ) e oggi, che si avvicina il giorno per la discussione in Aula, la questione diventa di più stringente attualità in quanto, come denuncia l’Ucpi, i deputati del Movimento 5Stelle hanno presentato in Commissione Affari Costituzionali emendamenti soppressivi della riforma la cui approvazione affosserebbe qualsiasi confronto. “Sarebbe davvero sorprendente, ed anzi di inaudita gravità, che si pretendesse in tal modo di impedire perfino il confronto ed il dibattito su quella proposta, in spregio alla sua natura di iniziativa popolare” ribadisce il testo della lettera dei penalisti italiani.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.