Anno: XXV - Numero 69    
Lunedì 22 Aprile 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Il Cnf boccia Prodigit e chiede terzietà per i giudici

Il Cnf boccia Prodigit e chiede terzietà per i giudici

Lo ha detto il componente del Cnf, Vittorio Minervini, all'inaugurazione dell'anno giudiziario tributario.

Il Cnf boccia Prodigit e chiede terzietà per i giudici

Il  Cnf boccia Prodigit e chiede terzietà per i giudici

Lo ha detto, nel suo intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario tributario, il componente del Consiglio nazionale forense, Vittorio Minervini, l’affidamento del procedimento a sistemi di intelligenza artificiale.

Il Consiglio nazionale forense esprime perplessità su Prodigit, il progetto di giustizia predittiva del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, criticando la mancanza di condivisione con gli avvocati nella valutazione delle sentenze di merito e «l’affidamento del procedimento a sistemi di intelligenza artificiale ad alto rischio per i quali non può esistere una valutazione di conformità con la normativa europea, con l’IA Act  in corso di formazione e di recepimento nel nostro ordinamento».

Lo ha detto, nel suo intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario tributario, il componente del Consiglio nazionale forense, Vittorio Minervini, il quale ha poi aggiunto, sul tema della dipendenza del giudice tributaria dal Mef: «Gli avvocati già in passato avevano rappresentato l’urgenza di definire la terzietà e l’imparzialità del giudice tributario», con un trasferimento di «competenze, in tema di organizzazione e gestione degli organi di giustizia tributaria in capo alla presidenza del Consiglio dei ministri o al ministero della Giustizia.

La riforma della giustizia tributaria – ha ammesso Minervini – è una riforma epocale per il riconoscimento dell’imprescindibilità e dell’indifferibilità dell’istituzione in un sistema tributario moderno di una magistratura tributaria “togata”, con quei requisiti di professionalità, autonomia e indipendenza che costituiscono il proprium di qualsiasi organo di natura giurisdizionale. La riforma però ha richiesto inevitabili compromessi, come quelli, con scelte di discutibile coerenza ordinamentale che rappresentano un rischio di insuccesso della riforma, relativi alle modalità di reclutamento, alla progressione di carriera e ai requisiti dei nuovi giudici tributari. Ci si augura possano essere al più presto eliminati. Deve essere apprezzato – ha proseguito il consigliere del Cnf Minervini – l’importante ridimensionamento dei caratteri di “specialità” del giudizio avanti alle Corti di giustizia tributaria: misure come quelle in tema di ammissibilità della prova testimoniale, l’introduzione della conciliazione su proposta del giudice, la dettagliata individuazione dei criteri di riparto degli oneri probatori in giudizio, avvicinano meritoriamente – per quanto possibile– il contenzioso tributario al processo del giudice ordinario e tutto ciò deve esser visto con favore da parte dell’avvocatura. Di contro, anche questo momento di innovazione porta con sé alcune criticità, mutuate da recenti riforme delle altre procedure, come l’introduzione di misure volte a snellire il contenzioso anche attraverso la previsione di specifici limiti dimensionali degli atti di parte. Si confida, sul punto, che tale rilievo, confinato alla regolamentazione delle spese di lite, rimanga in tale ambito, in quanto forte è la contrarietà dell’ avvocatura ad un qualsiasi contenimento della attività difensiva dei diritti del contribuente», è la conclusione del rappresentante degli avvocati italiani. 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.