Anno: XXI - Numero 165    
Venerdì 7 Agosto 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Antonino Galletti, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma, designato nel Consiglio generale della Camera di Commercio di Roma

Antonino Galletti, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma, designato nel Consiglio generale della Camera di Commercio di Roma

Designato, in rappresentanza dei professionisti, nel Consiglio generale della Camera di Commercio di Roma per il quinquennio 2020-2025

Antonino Galletti, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma, designato nel Consiglio generale della Camera di Commercio di Roma

 “È una fase complessa e delicata per il mondo delle professioni – spiega Antonino Galletti – ed essere presenti all’interno del Consiglio della Camera di Commercio di Roma è una grande soddisfazione per me ed è particolarmente importante per tutte le nostre realtà. Rappresenta, infatti, un’opportunità di crescita e confronto all’interno dell’Istituzione economica più importante della Capitale, sicuramente utile per uscire quanto prima dalla crisi economica in cui ci troviamo a seguito dell’emergenza sanitaria”. “Sono particolarmente soddisfatto di questa designazione – afferma Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma – quella dei professionisti è una realtà attiva e fondamentale non solo per la rappresentanza in Camera di Commercio, ma per tutta la Città, in quanto apporta, quotidianamente, un rilevante contributo alla crescita economica, sociale e culturale della collettività”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Togati Csm eletti col sorteggio, c’è già il no della magistratura

Togati Csm eletti col sorteggio, c’è già il no della magistratura

06 Agosto 2020

Nella riforma che sarà discussa oggi in Consiglio dei ministri è stata reinserita in extremis l’estrazione a sorte dei candidati, seppure in versione light. Ma due leader dell’associazionismo giudiziario, Albamonte e Sangermano, bocciano il sistema: «Produrrà solo nuove distorsioni»

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.