Anno: XX - Numero 190    
Martedì 12 Novembre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Eresia ed utopia nella politica delle “idee”.

Eresia ed utopia nella politica delle "idee".

Talvolta insostenibile, sovversiva e scandalosa determina nel suo portatore spirito innovativo ma difficilmente condiviso

Eresia ed utopia nella politica delle

Svincolata dalla qualificazione religiosa,  che la definisce quale deviazione dottrinale di un pensiero religioso con analoghe matrici genetiche , l’ eresia, ben può essere utilizzata come termine per indicare un’opinione ,  un’orientamento  filosofico, politico, scientifico o artistico in antitesi con quelli generalmente accettati come autorevoli. Talvolta insostenibile, sovversiva e scandalosa    determina nel suo portatore spirito innovativo ma difficilmente condiviso. L’eretico è colui che nega il presente, o meglio tutto ciò che  appare come unica dottrina , religiosa o politica del momento, capace di indirizzare, condizionare in maniera impositiva il vivere comune nell’attualità, attraverso l’accettazione, consapevole o meno, imposta o volontariamente acquisita,  spesso senza coscienza critica ed elaborazione. L’eretico è in realtà…un “chiamato” ,  colui che pone un’ alternativa anche non immediatamente concepibile o addirittura di impossibile  realizzazione ma capace di porsi di fronte all’azione come forza generatrice, innovativa, di contrasto con le istituzioni perché ipotesi di lavoro ed intervento  basata sull’analisi delle criticità dell’attualità.  L’eresia non è scienza del passato : è sforzo passionale di comprensione del presente, svincolato dal passato e non necessariamente investito della responsabilità  di imbastire il futuro come continuità del presente e rendergli la qualificazione di un eterno divenire sempre uguale a se stesso. Dare un senso al presente , nella sua complessità e svincolarlo dal fardello del passato e, contestualmente impedire che si riproponga a se stesso…come futuro…è operazione per pochi. L’eretico ha il guizzo nello sguardo e nell’analisi perché in grado di proiettarsi oltre il tempo e di afferrare il vivente al di là di come viene imposto. L’eretico talvolta si proietta verso l’isola felice dei valori irrealizzabili, della società perfetta, dove il bene e la giustizia sono valori condivisi ed accresciuti da un continuo scambio di conoscenze indirizzate alla tutela del singolo e della collettività. L’isola non esiste…ma esiste la volontà che non si piega ad ammetterne l’irrealizzabilità.  Una volontà grande che si insinua e si tormenta tra eresia ed utopia e rende la storia… una magnifica alternanza di utopie…realizzabili.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.