Anno: XXIV - Numero 215    
Giovedì 30 Novembre 2023 ore 13:15
Resta aggiornato:

Home » Cassazione: retroattiva la legittima difesa in casa propria

Cassazione: retroattiva la legittima difesa in casa propria

La Cassazione spiega che la modifica normativa che nel 2019 ha novellato la legittima difesa è applicabile anche ai fatti verificatisi in data anteriore perché più favorevole all'imputato

Cassazione: retroattiva la legittima difesa in casa propria

La Cassazione precisa che la legittima difesa, come modificata dall’art. 1 comma 1 lett. a) della L. 26 aprile 2019 n. 36, anche se successiva ai fatti per i quali è stata chiamata a pronunciarsi, va riconosciuta perché contempla un regime di favore per l’imputato.

Questa in estrema sintesi il contenuto della sentenza della Corte di Cassazione n. 4529/2023 (sotto allegata). In sintesi, a seguire, la vicenda processuale.

In un giudizio instaurato per lesioni personali ai danni del fratello e del nipote, in sede di appello viene riconosciuta all’imputato l’attenuante della provocazione e viene irrogata la sanzione penale che prevede sei mesi di reclusione e il risarcimento del danno in favore delle parti civili.

Il difensore, nel ricorrere in Cassazione, invoca la legittima difesa per il suo assistito, in quanto la disciplina dell’istituto, ai sensi del novellato art. 52 c.p, opera in favore di chi, come nel caso di specie, respinge un’aggressione violenta all’interno della propria abitazione. L’imputato infatti si è limitato a difendere se stesso e la moglie malata da un’aggressione altrui subita in casa propria.

Motivo che viene accolto con carattere assorbente, con conseguente annullamento con rinvio della sentenza impugnata.

La Cassazione riconosce l’invocata causa di giustificazione della legittima difesa prevista dall’art. 52 c.p e, dopo aver illustrato l’evoluzione normativa e giurisprudenziale sulla legittima difesa verificatasi negli ultimi anni, in quanto “la modifica apportata all’art. 52 cod. pen. dalla legge 26 aprile 2019, n. 36 – successivamente ai fatti per cui si procede – in quanto ius novum favorevole comportante l’ampliamento della sfera scriminante di una causa di giustificazione, trova applicazione ai fatti antecedentemente commessi.”

Scarica pdf Cassazione n. 4529/2023

Tratto da Studio Cataldi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Pnrr: luci e ombre sulla rimodulazione della missione salute.

Pnrr: luci e ombre sulla rimodulazione della missione salute.

30 Novembre 2023

Aumentano i pazienti in assistenza domiciliare (+42mila) e gli assistiti in telemedicina (+100mila). espunte 312 case di comunità e 74 ospedali di comunità: rischio penalizzazione per il centro-sud. svaniscono 1.803 posti letto di area critica.30 novembre 2023

Rso, Rss E Ad … read more

Rso, Rss E Ad … read more

28 Novembre 2023

Non è un indovinello ma gli acronimi stanno per Regione a Statuto Ordinario, Regione a Statuto Speciale e Autonomia Differenziata

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.