Anno: XX - Numero 190    
Martedì 12 Novembre 2019 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Fisco: entrate +1% nei primi 9 mesi dell’anno

Fisco: entrate +1% nei primi 9 mesi dell'anno

Manovra, verso tagli a tasse plastica e auto aziendali

Fisco: entrate +1% nei primi 9 mesi dell'anno

Nel periodo gennaio-settembre 2019, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 324.825 milioni di euro, segnando un incremento di 3.119 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+1,0%). Il dato continua a essere condizionato dalla variazione negativa del 2,3%, registrata nel trascorso mese di febbraio, determinata dall’andamento dei versamenti dell’imposta sostitutiva sui risultati delle gestioni individuali di portafoglio (-665 milioni di euro) e dell’imposta sostitutiva dovuta sulle forme pensionistiche complementari ed individuali (-712 milioni di euro). Lo rende noto il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il mese di settembre registra un notevole incremento di gettito pari a 6.994 milioni di euro (+23,6%) rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. L’andamento è stato influenzato dalle entrate delle imposte autoliquidate con un gettito Irpef pari a 4.888 milioni di euro (+3.875 milioni di euro) e Ires pari a 3.329 milioni di euro (+2.476 milioni di euro), legato alla proroga al 30 settembre dei termini di versamento di tutte le imposte autoliquidate per i soggetti che svolgono attività economiche per le quali sono stati approvati gli indicatori di affidabilità. Le imposte dirette risultano pari a 174.457 milioni di euro, con un incremento di 1.372 milioni di euro (+0,8%) rispetto al medesimo periodo del 2018. Il gettito Irpef mostra una crescita dell’1,7% (+2.300 milioni di euro). Si segnala l’andamento positivo delle ritenute Irpef sui lavoratori del settore privato (+2.127 milioni di euro, pari a +3,5%) e sui dipendenti del settore pubblico (+1.600 milioni di euro, pari a +2,9%). Si evidenzia invece una diminuzione delle ritenute effettuate dai lavoratori autonomi (-932 milioni di euro, -9,8%). Tra le altre imposte dirette si segnala la riduzione dell’imposta sostitutiva sui redditi e delle ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale (-77 milioni di euro, -1,2%), dell’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (-756 milioni di euro, -77,2%) che rispecchia le performance negative dei mercati nel corso del 2018. Anche l’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione mostra una diminuzione di 778 milioni di euro che riflette i risultati negativi dei rendimenti medi ottenuti nel 2018 dalle diverse tipologie di forme pensionistiche complementari. Le imposte indirette, che ammontano a 150.368 milioni di euro, registrano una variazione positiva di 1.747 milioni di euro (+1,2%). Il risultato è legato all’andamento del gettito dell’Iva (+2.145 milioni di euro, +2,4%) e, in particolare, alla componente di prelievo sugli scambi interni che registra un incremento di 2.256 milioni di euro (+2,8%), Diminuisce, invece, il gettito dell’Iva sulle importazioni (-111 milioni di euro, -1,1%).  L’imposta sulle assicurazioni segna una diminuzione del 39,7% determinata, nel mese di luglio, dal recupero del maggiore acconto versato nel 2018 per effetto dell’aumento dell’aliquota, dal 40% al 58%, previsto dalla legge finanziaria per il 2018. L’imposta di bollo mostra un calo di 457 milioni di euro (-8,4%) dovuto anche alle nuove disposizioni, in vigore dal 1 gennaio 2019, che hanno modificato le molalità di versamento dell’imposta sulle fatture elettroniche. In calo anche l’imposta di registro -177 milioni di euro (-4,9%).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Cifa aderisce all’Asse.Co.

Cifa aderisce all’Asse.Co.

12 Novembre 2019

Tra gli obiettivi garantire una maggiore efficienza del mercato del lavoro attraverso il contrasto al lavoro sommerso e irregolare

Bologna professionisti e forze dell’ordine contro il cyberbullismo

Bologna professionisti e forze dell’ordine contro il cyberbullismo

12 Novembre 2019

Dottori commercialisti, giornalisti, una youtouber, un insegnante, un procuratore della Repubblica presso il tribunale dei minori, un funzionario della polizia di stato.Bologna professionisti e forze dell’ordine contro il cyberbullismo Dottori commercialisti, giornalisti, una youtouber, un insegnante, un procuratore della Repubblica presso il tribunale dei minori, un funzionario della polizia di stato

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.