Anno: XXV - Numero 133    
Mercoledì 24 Luglio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Asse.Co., rapporti di lavoro certificati anche a Perugia

Asse.Co., rapporti di lavoro certificati anche a Perugia

Il Comune umbro e il Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro firmano il protocollo di durata biennale per promuovere l’Asseverazione

Asse.Co., rapporti di lavoro certificati anche a Perugia

Il Comune umbro e il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro hanno firmato il protocollo biennale per valorizzare l’asseverazione di conformità dei rapporti di lavoro Il Comune di Perugia e il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro firmano il protocollo d’intesa per promuovere l’Asseverazione di Conformità dei rapporti di lavoro (Asse.Co.). A siglare l’accordo, di durata biennale, il sindaco Andrea Romizi e la Presidente del Consiglio Nazionale, Marina Calderone. Il protocollo impegna le parti a rafforzare i processi di legalità all’interno del sistema imprenditoriale del territorio attraverso l’Asse.Co., strumento di certificazione della regolarità delle aziende con riguardo alla costituzione e gestione dei rapporti di lavoro, subordinato e parasubordinato. L’asseverazione riguarda, dunque, il rispetto della normativa in materia di lavoro minorile e in nero, orario di lavoro, contratti collettivi, obblighi contributivi e pagamento delle retribuzioni. Per valorizzare l’Asse.Co., il Comune di Perugia potrà anche prevedere un sistema premiante nelle procedure di affidamento dei contratti che adottano il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e, dunque, attribuire uno specifico punteggio qualora sia presentata l’asseverazione oggetto dell’intesa. Comune e Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro concordano sul fatto che sostenere la diffusione dell’Asse.Co. sia un modo per promuovere la cultura della legalità e della trasparenza dei processi di lavoro e, quindi, la concorrenza virtuosa tra imprese, anche se tale strumento rappresenta una opportunità integrativa, e non sostitutiva, degli ordinari strumenti di controllo. Il protocollo getta altresì le basi per la realizzazione di iniziative comuni per la divulgazione delle tematiche e normative afferenti ai rapporti di lavoro. La richiesta di asseverazione – si ricorda nel protocollo – è libera e volontaria e può essere presentata da qualunque datore di lavoro attraverso una piattaforma telematica e con l’assistenza di un Consulente del Lavoro, qualificato asseveratore, scelto tra quelli iscritti nell’elenco tenuto e aggiornato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine. “L’Asse.Co. mira alla valorizzazione del lavoro etico e dei datori di lavoro che adottano comportamenti corretti”, ha dichiarato a margine della firma la Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone. “Il Comune di Perugia si unisce alle altre numerose istituzioni che, su tutto il territorio nazionale, stanno mostrando sensibilità verso l’affermazione della legalità nel mercato del lavoro e in particolare nella filiera degli appalti”, ha concluso. Per il sindaco Romizi

, “Con l’asseverazione dei contratti di lavoro presso i Consulenti del Lavoro asseveratori, le aziende potranno certificare il rispetto delle leggi, la trasparenza dei rapporti di lavoro, la regolarità contributiva. Inoltre – ha aggiunto – il Comune nelle gare d’appalto potrà inserire un sistema premiante per le aziende che presentino l’asseverazione”

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Stipulato l’atto di donazione allo Stato della casa di Pasolini

Stipulato l’atto di donazione allo Stato della casa di Pasolini

24 Luglio 2024

È stato stipulato mercoledì, a Roma, al Ministero della Cultura, l’atto con cui il produttore cinematografico e televisivo Pietro Valsecchi ha donato allo Stato l’appartamento in via Giovanni Tagliere n. 3 a Roma, dove, tra il 1951 e il 1954, Pier Paolo Pasolini visse insieme alla madre, negli anni in cui insegnava in una scuola privata a Ciampino e dove iniziò a scrivere il suo primo romanzo “Ragazzi di vita”.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.