Anno: XXV - Numero 26    
Mercoledì 21 Febbraio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Sostituire il nome “Camera dei deputati” con “Camera delle deputate e dei deputati”.

Sostituire il nome "Camera dei deputati" con "Camera delle deputate e dei deputati".

Il nuovo obiettivo del Pd è cambiare nome a Montecitorio.

Sostituire il nome

È questo il contenuto dell’unico breve articolo della proposta di legge costituzionale presentata da due deputati del Partito Democratico alla Camera.

A depositare il testo agli uffici di Palazzo Montecitorio sono i parlamentari dem Gian Antonio Girelli e Sara Ferrari.

    “Con questa proposta di legge costituzionale – scrivono i deputati nell’illustrazione del testo – si vuole intervenire per aggiornare il nome attualmente vigente “Camera dei deputati”, in “Camera delle deputate e dei deputati”, riconoscendo nella definizione di tale ramo del Parlamento una concreta parità di genere”.

    “Cambia la realtà, – aggiungono – cambia la cultura, cambia la lingua che serve a descrivere il mondo nel quale viviamo. E il nuovo nome che si intende attribuire va proprio in questa direzione”. Girelli e Ferrari considerano ormai “superata” la dizione attuale e spiegano: la Camera ha bisogno di essere “smaschilizzata”.

    “Il Parlamento italiano – proseguono – potrebbe ben essere il pioniere di un cambiamento, non solo nominalistico, ma come vero cambio di paradigma, di mentalità, introducendo nella denominazione di uno dei rami del Parlamento, un dato di parità di genere”. Nel primo e unico articolo della proposta di legge Costituzionale si chiede che la modifica entri in vigore dalla prossima legislatura.

di Federica Olivo. Per Huffpost

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

I trattori fanno flop.

I trattori fanno flop.

16 Febbraio 2024

Quattro gatti al Circo Massimo e neanche tutti agricoltori Dovevano essere ventimila, ne sono arrivati al massimo tremila. E con loro anche i putiniani di Giuliano Castellino, volto noto di Forza Nuova, interdetto dopo la condanna per l'assalto alla Cgil.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.