Anno: XXI - Numero 117    
Lunedì 1 Giugno 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Il procuratore di Taranto Capristo ai domiciliari.

Il procuratore di Taranto Capristo ai domiciliari.

L’accusa: pressioni per indirizzare le indagini

Il procuratore di Taranto Capristo ai domiciliari.

La procura di Potenza ha disposto gli arresti domiciliari per il procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo. A suo carico, un’inchiesta che nasce da un fascicolo della procura di Trani, sul quale il pm avrebbe fatto pressioni per indirizzare l’esito del procedimento. Il magistrato era già stato indagato, lo scorso giugno, dalla Procura di Messina per abuso d’ufficio. Le accuse si riferiscono all’epoca in cui il magistrato era a capo della Procura di Trani e riguardano la vicenda dell’esposto anonimo su un presunto complotto contro l’Eni, recapitato alle procure di Trani e Siracusa. In quell’inchiesta tornano nomi noti anche nel processo Palamara: l’allora pm Giancarlo Longo su input di Giuseppe Amara, legale esterno dell’Eni, avrebbe messo in piedi un’indagine priva di fondamento, su un falso piano di destabilizzazione della società e del suo amministratore delegato. In realtà, per gli inquirenti che hanno arrestato Amara e un altro avvocato, Giuseppe Calafiore, lo scopo sarebbe stato intralciare l’inchiesta milanese sulle presunte tangenti in cui Descalzi era coinvolto.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.