Anno: XXV - Numero 130    
Venerdì 19 Luglio 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Dirigente di Fincantieri chiede al tassista di gonfiare la ricevuta: licenziata

Dirigente di Fincantieri chiede al tassista di gonfiare la ricevuta: licenziata

La scena ripresa dalla telecamera della vettura e pubblicata da Welcome to Favelas fa il giro della rete e costa caro alla donna.

Dirigente di Fincantieri chiede al tassista di gonfiare la ricevuta: licenziata

“Allora sei proprio uno str..zo”. Risponde così Sabrina Di Stefano, dirigente di Fincantieri, al tassista di Roma che si rifiuta di inserire nella ricevuta una cifra superiore all’importo della corsa. Il video pubblicato dal canale social Welcome to Favelas ritrae la manager che con insistenza chiede di aumentare la somma da trascrivere sul foglio. A seguito dell’episodio, stando a quanto riportato dal quotidiano Domani, sarebbe stata licenziata.

Le immagini risalgono a inizio maggio, il dialogo è fitto, il confronto è un crescendo, si fa gradualmente più acceso e arriva agli insulti della donna: “Mi può fare la ricevuta? Ma me la puoi fare da 20?“. L’autista risponde di no. “Gliela faccio dell’importo che mi ha pagato “. “Ma che ti cambia scusa?, chiede Di Stefano. “E a lei che le cambia?”, replica il tassista. “Che mi rimborsano qualcosa in più “, confessa. L’uomo a quel punto replica: “A me però non cambia nulla “. La manager, quindi, passa a epiteti offensivi: “Rimani str…o come sei”. Poi esce dall’auto chiosando con: “Cog..one“. Il tutto però è ripreso dalle telecamere a bordo del taxi.

Agenzia Giornalistica Dire

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.