Anno: XXV - Numero 30    
Martedì 27 Febbraio 2024 ore 13:15
Resta aggiornato:

Home » Assegno per il nucleo familiare: a breve la piattaforma per inserire le domande

Assegno per il nucleo familiare: a breve la piattaforma per inserire le domande

A fornire alcune indicazioni sull’aggiornamento della procedura e sull’utilizzo della piattaforma è la Direzione Generale Inps durante la riunione del tavolo tecnico con il Consiglio Nazionale dell’Ordine

Assegno per il nucleo familiare: a breve la piattaforma per inserire le domande

Sarà disponibile a breve, tra fine settembre e inizio ottobre, la piattaforma che consentirà agli intermediari, quindi ai Consulenti del Lavoro, di inserire le domande di assegno nucleo familiare per conto dei dipendenti delle sole aziende in delega. A fornire alcune indicazioni sull’aggiornamento della procedura e sull’utilizzo della piattaforma è la Direzione Generale Inps durante riunione del tavolo tecnico con il Consiglio Nazionale dell’Ordine che si è tenuta lo scorso 11 settembre. L’attività – si legge nel documento – potrà essere svolta previo rilascio da parte del lavoratore di una delega specifica, che dovrà essere sottoscritta anche dagli altri componenti del nucleo familiare titolari di reddito. Il datore di lavoro non dovrà fornire altre deleghe all’intermediario, ma conservare e controllare la documentazione fornita dal dipendente. Per quanto riguarda la procedura già operativa, l’Istituto attiverà un sistema di notifica tramite mail o Pec sulla disponibilità/invio del file Xml per le richieste massive e, in seguito, ci sarà anche la notifica automatica a fronte di variazione dell’importo dell’assegno (es. nascita di un figlio). Infine, segnala l’Inps, sarà perfezionata la ricerca massima per ridurre la duplicazione di dati già acquisiti. Il Consiglio Nazione dell’Ordine ha poi affrontato il tema dell’assenza di controlli per lavoratori part-time con più datori di lavoro. In particolare, nel caso in cui il datore dovesse pagare a un dipendente part-time assegni nucleo familiare non spettanti in quanto già erogati da un’altra azienda. L’Inps ha chiarito che la restituzione degli importi non dovuti sarà chiesta al lavoratore.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.