Anno: XXV - Numero 105    
Giovedì 13 Giugno 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » ‘Testamenti dei grandi italiani’, ecco il podcast dei notai

'Testamenti dei grandi italiani', ecco il podcast dei notai

“L’Ultima volontà. I testamenti che hanno fatto grande l’Italia”

'Testamenti dei grandi italiani', ecco il podcast dei notai

 Online la prima puntata del podcast “L’ultima volontà. I testamenti che hanno fatto grande l’Italia”, la serie di 8 episodi realizzata dal Corriere della Sera in collaborazione con Consiglio Nazionale del Notariato e prodotta da Carlo Annese per Piano P che, prendendo ispirazione dalla mostra “Io qui sottoscritto. Testamenti di grandi italiani” – ideata in occasione dei 150 anni dell’unità d’Italia e accolta, ad oggi, in 18 città italiane ed europee – racconta la storia d’Italia da un punto di vista inedito: l’ultimo messaggio che uomini e donne celebri hanno lasciato ai propri eredi, ma anche a tutti noi.

Questa iniziativa apre al grande pubblico dei podcast – attraverso un nuovo percorso digitale e narrativo – il viaggio attraverso “i tesori di carta” custoditi negli Archivi Notarili e di Stato di tutta Italia, che farà scoprire, in questa prima serie, le ultime volontà di Enzo Ferrari, Tazio Nuvolari, Giovanni Verga, Luigi Pirandello, Giuseppe Gioachino Belli, Lina Cavalieri, Giuseppe Verdi, Guglielmo Marconi, Alessandro Manzoni, Eduardo Scarpetta, Giovanni Agnelli sr, Ignazio Florio, Enrico De Nicola, Giuseppe Verdi, Camillo Benso di Cavour, Giuseppe Garibaldi, Angelo Fortunato Formiggini, Paolo Borsellino e Giorgio Ambrosoli. Storia, letteratura, politica, imprenditoria, sport, narrati attraverso i testamenti di personaggi storici che svelano anche aspetti intimi e sconosciuti delle loro vite. Ogni puntata è dedicata ad un tema specifico in cui lettura, musica e informazione si fondono per  far emergere il valore del testamento come “custode della memoria” storica del nostro Paese, attraverso la voce narrante della giornalista di Corriere della Sera Micol Sarfatti, gli interventi di Giulio Biino, Presidente del Notariato, e a rotazione i racconti delle grandi firme del quotidiano di via Solferino, specialisti dell’argomento trattato, come Ferruccio de Bortoli, Federico Fubini, Daniele Manca, Giuditta Marvelli, Rita Querzè, Elisabetta Soglio, Giorgio Terruzzi e molti altri.  L’intervento del notaio, prendendo spunto dalle caratteristiche dei testamenti, farà luce ogni volta su un aspetto specifico della procedura testamentaria: le differenze tecniche tra le varie tipologie, le modalità di modifica, la gestione dei conflitti fra gli eredi, ecc…

Il Notariato ha deciso di investire per la prima volta nello strumento del podcast uscendo dagli schemi della informazione tecnica e professionale – dichiara Massimiliano Levi, Direttore della comunicazione del Consiglio Nazionale del Notariato – con l’obiettivo di raggiungere un pubblico ampio, di far conoscere un patrimonio culturale difficilmente visionabile, di evocare i valori profondi della nostra cultura e trasmettere insegnamenti preziosi soprattutto ai più giovani, i futuri protagonisti della nostra società”.

 Il podcast è disponibile dal 5 aprile – ogni venerdì con una nuova puntata – sulle piattaforme di Corriere della Sera e nelle principali app di streaming audio: Corriere.it – App Corriere – Spotify – Apple podcast – Amazon Music – Google Podcast.

 Ascolta la prima puntata:

corriere.it: https://www.corriere.it/podcast/l-ultima-volonta-testamenti-italiani/

spotify: https://open.spotify.com/show/0UPsm5WHXxYxGIvgIFydjv

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Notizie Correlate

Appunti per un (im)possibile Erasmus notarile

Appunti per un (im)possibile Erasmus notarile

08 Maggio 2024

Molti ingegneri, architetti, commercialisti, avvocati, imprenditori, ricercatori, medici, professionisti del mondo tributario, bancario e finanziario, decidono di svolgere periodi di formazione post universitaria e di lavoro in un altro Stato.

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.