Anno: XXII - Numero 91    
Martedì 12 Maggio 2021 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Serve un tavolo tra ordini, Casse e ministeri

Serve un tavolo tra ordini, Casse e ministeri

I professionisti hanno enormi spazi per inserirsi e trovare occasioni di lavoro, per questo l'aspetto formativo è fondamentale.

Serve un tavolo tra ordini, Casse e ministeri

“I professionisti iscritti agli ordini hanno fortuna di avere le Casse, anche se non sempre riescono ad adeguarsi alle necessità dei professionisti, soprattutto in termini di welfare. Ciò avviene perché il ministero del Lavoro pone dei paletti a questa attività. Serve un tavolo tra ordini, Casse e ministeri che consenta alle Casse di investire ad esempio quei soldi che impropriamente lo Stato si prende con la doppia tassazione sulle pensioni e sugli investimenti delle casse potrebbero essere investiti per dare supporti ai professionisti in termini di formazione, opportunità del lavoro e organizzazione”. Così Armando Zambrano, presidente ProfessionItaliane, è intervenuto alla dodicesima edizione del Festival del Lavoro, la manifestazione realizzata dai consulenti del lavoro, che anche quest’anno, in ottemperanza alle disposizioni per far fronte all’emergenza, si svolgerà in modalità online sul sito www.festivaldellavoro.it.

“Creare un processo che vada verso la certificazione delle competenze è fondamentale per vedere riconosciute queste nuove attività e capacità che gli ordini devono cominciare a pensare”, afferma.

“Dobbiamo essere capaci – sottolinea – di uscire dal principio della formazione obbligatoria basata su cliché guardando a un tipo di formazione che dia immediate risposte alle necessità di lavoro da parte dell’impresa e delle amministrazioni, cercando così di recuperare la possibilità di nuove professioni.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Notizie Correlate

Ristori per i professionisti, ecco il calcolo del contributo medio

Ristori per i professionisti, ecco il calcolo del contributo medio

18 Marzo 2021

Contributi a fondo perduto in arrivo col provvedimento di venerdì destinati anche ai rarissimi titolari di studi che vantano fatturati superiori ai 400mila euro: così però la gran parte di avvocati e architetti difficilmente otterrà somme superiori ai 3mila euro. Anzi, nell’ipotesi peggiore, ci si fermerebbe a poche centinaia di euro

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.