Anno: XXV - Numero 69    
Lunedì 22 Aprile 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » La riforma di Cassa Forense slitta di un anno

La riforma di Cassa Forense slitta di un anno

Lo si apprende da Il Sole 24Ore di sabato 17 febbraio u.s.

La riforma di Cassa Forense slitta di un anno

In un video, pubblicato sul sito di Cassa Forense, e relativo alle dichiarazioni

rese dal Presidente in occasione della sessione straordinaria del Congresso

Nazionale Forense in Roma del 15-16 dicembre 2023, il Presidente ricorda che:

“L’Ente ha licenziato una riforma che ancora deve essere approvata dai Ministeri

e il ritardo e il passare ad un altro anno, se questo si verificasse, determinerebbe

un danno per l’Ente in termini di cassa di oltre 40 milioni di euro”.

Poiché dalle notizie di cui sopra è dato apprendere che la riforma non entrerà più

in vigore il 1° gennaio 2024 ma il 1° gennaio 2025, il danno di cui sopra si

materializza ed allora è lecito porsi una domanda: chi pagherà questo danno?

I Ministeri Vigilanti? Il Comitato dei Delegati? Pantalone cioè gli iscritti?

Avv. Paolo Rosa

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.