Anno: XXV - Numero 105    
Giovedì 13 Giugno 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Ancona. Il 40% dei dottori commercialisti sono donne

Ancona. Il 40% dei dottori commercialisti sono donne

Cnpadc (Cassa previdenza) incontrerà iscritti il 2 ottobre

Ancona. Il 40% dei dottori commercialisti sono donne

Ad Ancona, su 510 professionisti iscritti alla Cassa previdenziale dei dottori commercialisti (Cnpadc), il 38% è composto da donne, “con un rapporto rispetto ai colleghi dell’altro genere decisamente più alto rispetto a quello che si registra nella regione (35%) e in Italia (33%)”. Inoltre, nel capoluogo delle Marche “il reddito medio pro-capite di un professionista è pari a 55.941 euro, un dato superiore del 10,5% rispetto a quello regionale, mentre il volume d’affari medio supera i 96.000 euro, segnando un +8% rispetto alla media marchigiana”. E, fa sapere la Cassa, “se, a livello generale, l’andamento dell’ultimo biennio ha fatto registrare una sostanziale stabilità nel reddito e volume d’affari medio (rispettivamente +1% e -0,5% sul 2017), il discorso cambia per le professioniste, il cui reddito è cresciuto del 6,3%, e il volume d’affari del 5,4%”. Donne associate alla Cnpadc che, ha riferito il presidente Walter Anedda, “sono anche al centro delle iniziative di welfare che portiamo avanti sul territorio, a tutela della famiglia. Nel 2018 abbiamo, infatti, destinato oltre 250.000 euro a indennità e contributi di maternità sul territorio marchigiano”, ha spiegato. I dati sono stati anticipati in vista dell’incontro ‘La Cnpadc sul territorio per un percorso previdenziale e assistenziale consapevole’, che si terrà il 2 ottobre dalle 15:30 presso la Federazione Marchigiana Bcc (in via Sandro Totti, 11) ad Ancona.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Via libera del giudice del lavoro al contributo

Via libera del giudice del lavoro al contributo

13 Giugno 2024

Enpam del 4 per cento Il contributo previdenziale del 4 per cento a carico degli specialisti esterni è pienamene legittimo, e le società accreditate con il Servizio sanitario nazionale hanno l’obbligo di versarlo all’Enpam.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.