Anno: XXV - Numero 107    
Martedì 18 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Fondo rotativo: finanziamenti agevolati per il sostegno alle imprese (Fri)

Fondo rotativo: finanziamenti agevolati per il sostegno alle imprese (Fri)

Le imprese del settore turistico potranno ottenere contributi e finanziamenti agevolati fino a 15 anni per coprire l’80% degli investimenti finalizzati all’incremento dell’efficienza energetica e alla riqualificazione antisismica delle strutture ricettive.

Fondo rotativo: finanziamenti agevolati per il sostegno alle imprese (Fri)

Ci sono 780 milioni di euro messi a disposizione dal Fondo rotativo per il sostegno alle imprese (FRI), che potranno essere utilizzati anche per l’abbattimento delle barriere architettoniche, la costruzione di piscine termali, la digitalizzazione e la ristrutturazione degli arredi.

È quanto previsto dalla Comunicazione n. per la ristrutturazione di alberghi, stabilimenti termali, complessi

termali, parchi e porti. 13142/24, del 7 maggio 2024, del Ministero del Turismo, misura di attuazione M1C3-

33, Missione 1, Componente C3 “Turismo e cultura”, Investimento 4.2, “Fondo integrato per la

competitività delle imprese turistiche” del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (Pnrr).

Fondo rotativo: i beneficiari

Possono presentare la domanda:

 Aziende alberghiere, aziende che svolgono attività agrituristica (ex legge 96/2006, n. 96 e relative

normative regionali), aziende che gestiscono strutture ricettive all’aperto, nonché aziende del

settore turistico, sedi fieristiche e congressuali, compresi stabilimenti termali, complessi termali,

porti turistici, parchi tematici, anche acquatici e naturali.

I predetti soggetti devono:

 Gestire, con contratto regolarmente registrato, che deve accompagnare la domanda, un'attività

ricettiva o di servizi turistici in immobili o aree di proprietà di terzi;

 Devono cioè essere proprietari degli immobili oggetto dell’intervento nei quali si svolge l’attività

ricettiva o di servizi turistici.

Le imprese beneficiarie devono:

 Avere un’organizzazione stabile sul territorio nazionale;

 Essere in regola con le vigenti disposizioni in materia edilizia e urbanistica, lavoro,

antinfortunistica e di tutela dell’ambiente e degli obblighi fiscali;

 Essere in regime di contabilità ordinaria;

 Essere in possesso di una valutazione creditizia positiva da parte di una banca finanziatrice e di una

delibera di finanziamento adottata dalla stessa banca finanziatrice per il finanziamento della

richiesta di incentivo presentata.

Le imprese operanti nei settori agricolo o della pesca devono adottare un regime contabile separato per

l'attività agevolata durante tutta l’esecuzione del programma.

Fondo rotativo: quali sono le spese ammissibili?

Sono ammissibili al netto dell’IVA:

 Servizi di progettazione concernente le voci di spesa sub b) c) d) e), nella misura massima

complessiva del 2%;

 Suolo aziendale e sue sistemazioni, nella misura massima del 5%;

 Fabbricati, opere murarie e assimilate, nella misura massima del 50%;

 Macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica;

 Investimenti in digitalizzazione, esclusi i costi d’intermediazione, nella misura massima del 5%.

Possono beneficiare dei benefici solo le spese relative ad investimenti ammortizzabili acquisiti in immobili regolarmente contabilizzati e contabilizzati da almeno da:

 3 anni per le PMI

 5 anni per le grandi aziende.

Tutte le spese del programma d’investimento complessivo (comprese quelle che possono essere

riconosciute come necessarie ma che, per la loro natura o per percentuali in eccesso o per limite massimo, non possono beneficiare di benefici) dovranno essere pagate esclusivamente, per intero e direttamente tramite un conto bancario dedicato alla realizzazione del Programma di Investimenti.

Fondo rotativo: incentivi

Il finanziamento agevolato è concesso fino a: Copertura del 50% dell’investimento e al tasso fisso dello 0,50% con durata minima di 4 anni (48

mesi) e massima di 15 anni (180 mesi) inclusi 3 anni di preammortamento massimi (36 mesi).

Al finanziamento agevolato è associato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e

durata, erogato dalla banca finanziatrice.

Il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario costituiscono insieme il finanziamento, regolato in modo uniforme da un unico contratto (la banca finanziatrice è scelta dall’impresa che intende richiedere l’incentivo).

Il contributo a fondo perduto va da un minimo del 5% ad un massimo del 30% da calcolarsi sull’importo dell’investimento ammissibile, e varia in relazione alla dimensione delle imprese (micro, piccole, medie e grandi) e della loro collocazione territoriale (nelle aree che beneficiano degli aiuti di stato a finalità regionale e nelle altre aree diverse da queste).

La domanda per la concessione degli incentivi potrà essere presentata dalle ore 12:00 del 1/7/2024 fino

alle ore 12:00 del 31/07/2024, e dovrà essere compilata esclusivamente in formato elettronico utilizzando

la procedura informatica messa a disposizione da Invitalia, accessibile dal sito web www.invitalia.it.

La modulistica per la presentazione della domanda sarà resa disponibile da Invitalia, nella sezione dedicata alla misura, a partire dalle ore 12:00 del 30/05/2024.

Articolo tratto del sito web di ZeroF24

Redazione: Stragroup Spa

https://bit.ly/3wMaVH6

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

18 Giugno 2024

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha consentito di destinare risorse aggiuntive per 850 milioni di euro all'investimento denominato “Parco Agrisolare” (missione 2, componente 1, investimento 2.2),

Transizione energetica: super aiuti all’industria

Transizione energetica: super aiuti all’industria

11 Giugno 2024

Le aziende esposte ad un rischio reale di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio potranno presentare richieste di aiuti del Fondo per la transizione energetica nel settore industriale, questo sarà possibile dal 10 giugno al 30 giugno 2024.

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

06 Giugno 2024

Le richieste di compensazione del credito d'imposta 4.0 sui beni devono essere presentate attraverso una nuova funzionalità semplificata tramite la piattaforma disponibile sul sito del GSE (Gestore Servizi Energetici), non più a mezzo pec.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.