Anno: XXV - Numero 132    
Martedì 23 Luglio 2024 ore 13:20
Resta aggiornato:

Home » Filiere alimentari

Filiere alimentari

Antitrust e sostenibilità

Filiere alimentari

Dall’8 dicembre gli agricoltori e gli altri operatori della filiera alimentare possono richiedere un parere alla Commissione Europea sulla compatibilità di accordi, decisioni e pratiche concordate finalizzate al raggiungimento di una produzione sostenibile, inoltre la Commissione ha adottato le linee guida sugli accordi di sostenibilità nel settore agricolo, in applicazione di quanto previsto dall’art. 210 bis del Regolamento 2021/2117 (OCM unica), introducendo così una nuova esclusione dalle regole di concorrenza.

Linee di guida

Per stabilire eccezioni alle regole sulla concorrenza è necessario che gli accordi sanzionati mirino a prevedere requisiti di sostenibilità più rigorosi rispetto a quelli previsti dalle disposizioni di legge: solo se tale requisito sarà rispettato Bruxelles darà il suo benestare e gli accordi tra operatori verranno non essere sottoposto alle sanzioni previste dalle norme europee e nazionali sulla concorrenza (art. 101 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea e relative disposizioni nazionali).

Standard di sostenibilità

Gli standard di sostenibilità che possono essere oggetto di accordi preventivi all’interno della filiera agroalimentare sono di tre tipologie.

  • Il primo si riferisce a pratiche che perseguono obiettivi ambientali, come la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, la transizione verso l’economia circolare, la riduzione dei rifiuti, l’uso sostenibile delle risorse naturali e il ripristino della biodiversità.
  • La seconda si riferisce alla produzione agricola in modo da ridurre l’uso di sostanze chimiche per la protezione delle colture e l’uso di farmaci veterinari negli allevamenti.
  • Infine la terza tipologia è mirata al miglioramento della salute e del benessere degli animali.

Le linee guida pubblicate dalla Commissione indicano come gli operatori alimentari possono sviluppare iniziative congiunte di sostenibilità e trarre vantaggio dall’esclusione dalle regole di concorrenza dell’UE. Innanzitutto è necessaria la presenza di produttori agricoli e l’oggetto deve corrispondere ad almeno una delle tre tipologie sopra indicate.

Gli accordi di catena di fornitura possono includere restrizioni alla concorrenza, purché siano essenziali per lo standard di sostenibilità. Infine, vengono dettate le modalità di agire in caso di conseguenze sui prezzi al consumo.

Articolo tratto dal blog di Professioni in Team

Redazione: Stragroup spa

https://bit.ly/3RvheFb

 

 

 

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

Agrisolare: Aiuti alle imprese agricole

18 Giugno 2024

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha consentito di destinare risorse aggiuntive per 850 milioni di euro all'investimento denominato “Parco Agrisolare” (missione 2, componente 1, investimento 2.2),

Transizione energetica: super aiuti all’industria

Transizione energetica: super aiuti all’industria

11 Giugno 2024

Le aziende esposte ad un rischio reale di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio potranno presentare richieste di aiuti del Fondo per la transizione energetica nel settore industriale, questo sarà possibile dal 10 giugno al 30 giugno 2024.

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

Credito d’imposta 4.0: nuovi obblighi

06 Giugno 2024

Le richieste di compensazione del credito d'imposta 4.0 sui beni devono essere presentate attraverso una nuova funzionalità semplificata tramite la piattaforma disponibile sul sito del GSE (Gestore Servizi Energetici), non più a mezzo pec.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.