Anno: XXV - Numero 62    
Venerdì 12 Aprile 2024 ore 13:15
Resta aggiornato:

Home » Sfruttati durante Pandemia Covid, ora i professionisti della salute scendono in piazza contro il Governo.

Sfruttati durante Pandemia Covid, ora i professionisti della salute scendono in piazza contro il Governo.

Sono in 23.500 sorretti da Migep

Sfruttati durante Pandemia Covid, ora i professionisti della salute scendono in piazza contro il Governo.

23.500 operatori tra Medici, Psicologi, Infermieri, Oss, Amministrativi, Tecnici della prevenzione, Assistenti Sanitari dimenticati dallo Stato.

Professionisti che hanno messo in atto la loro empatia come cittadini alla richiesta di aiuto da parte dello Stato in difficoltà ad affrontare una pandemia mondiale.

Professionisti in prima linea come soldati in trincea, senza armi e scarpe di cartone, hanno rischiato la loro vita, hanno perso anche dei loro cari, ma sono stati lì, in prima linea a dare il loro contributo professionale per 27 mesi per il bene dei cittadini, rappresentando lo Stato che li aveva reclutati attraverso la protezione civile, e il bando Arcuri. Finita la pandemia, lo Stato senza neanche dire

grazie li ha spazzati via il 31 dicembre 2022 dando il ben servito.

Il 31 gennaio 23 questi professionisti che arriveranno da tutte le Regioni, Sicilia, Calabria, Sardegna, Puglia, Abruzzo, Lazio, Friuli, Lombardia, Piemonte, Campania, e tante altre Regioni, saranno presenti sotto l’emblema degli Stati Generali della professione Oss sotto il Ministero della Salute, per chiedere al Ministro un impegno politico per questi operatori, dandogli la possibilità di continuare a

lavorare, come avviene per tutti quei colleghi assunti nel periodo pandemico, poiché la sanità è sempre più in affanno, troppe sono le situazioni che contemplano un crescente bisogno di questi operatori nelle strutture (Aziende Sanitarie Locali – penitenziari – Rsa – Asp). Infermieri, Oss,

amministrativi, medici, tecnici della prevenzione, Assistenti Sanitari, è significativa e imprescindibile

l’importanza di questi operatori, alcuni reclutati senza contratti, altri assunti con vari contratti, con bandi Arcuri, bandi Dirmei, bandi protezione Civile, partita iva, Co. Co. Co, attraverso le ordinanze 709, 665, 747 ecc, tutti attraverso la protezione civile con il consenso del Ministero della Salute,

Conferenza Stato Regioni, in linea con l’esigenza di un’emergenza Nazionale.

Come Stati Generali della professione oss, ricordiamo che mancano numericamente figure in grado di dare assistenza adeguata, sarebbe importante riconoscere la valorizzazione della professionalità che hanno acquisito questi operatori, e che possano essere inseriti nel Servizio Sanitario Nazionale con assunzione a tempo indeterminato, in coerenza con il piano triennale dei fabbisogni di personale,

al fine di potenziare la presenza di operatori professionali e far fronte alle esigenze del servizio sanitario nazionale garantendo i livelli essenziali di assistenza (Lea).

Una delegazione composta da un Medico, da un Infermiere, da un OSS, da un Amministrativo, da un Tecnico della Prevenzione, da un Assistente Sanitario, sarà ricevuta, ci auguriamo che le forze

Politiche, il Ministero della Salute, abbiano sensibilità a prendere in considerazione il problema dei

23500 operatori che hanno dato la loro disponibilità nel periodo covid19, rischiando la loro vita e quella dei loro famigliari.

Riconoscere il sevizio prestato da questi operatori, significa, dargli un riconoscimento poiché hanno lavorato per lo Stato e per le Regioni per fronteggiare la pandemia rispondendo ai bisogni dei cittadini in supporto allo Stato.

Gli Stati Generali chiederanno di aprire un tavolo di confronto per consentire, la valorizzazione della professionalità che hanno acquisito questi operatori perché non possiamo sentir dire “il Ministero della Salute non ha poteri di intervento”. Il Ministro è un organo Politico che deve interagire come

rappresentante della salute e del sistema assistenziale e deve dare risposte a tutti i suoi professionisti

e non solo ascoltare gli Ordini delle Professioni. Il Ministro deve essere l’emblema di tutte le professioni e di tutti i cittadini e considerarli alla pari e quindi essere sensibile al problema di questi professionisti.

Un appuntamento a Roma 31 gennaio ore 10,30 sotto il Ministero della Salute per dare forza e sostenere una giusta causa di questi eroi, che non hanno risposte e futuro. Uno Stato Assente verso il suo esercito di professionisti che hanno risposto alla necessità dello Stato in difficoltà, e per questo

lanciamo un appello a tutti i professionisti coinvolti di unirsi e coordinarsi il 31 gennaio e far sentire

la “Voce” dei 23500 professionisti dimenticati.

Federazione Migep – Stati Generali OSS

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Formazione Ecm, arriva il nuovo manuale.

Formazione Ecm, arriva il nuovo manuale.

12 Aprile 2024

Ecco le novità più rilevanti per i medici Arriva per tutti i professionisti sanitari il nuovo manuale sulla formazione continua rivisto dalla rinnovata Commissione ECM. Valido per il triennio 2023-25, rinnova l’obbligo di totalizzare 150 crediti nei tre anni. Ma ci sono gli sconti.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.