Anno: XXV - Numero 105    
Giovedì 13 Giugno 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Infermieri al posto dei Medici

Infermieri al posto dei Medici

Snami: così si distrugge il Servizio Sanitario Nazionale.

Infermieri al posto dei Medici

Il settore Snami Emergenza Urgenza si rivolge direttamente al Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e al Ministro della Salute Orazio Schillaci per sollecitare un intervento urgente affinché la politica metta in cantiere un immediato provvedimento legislativo per porre fine all’attuale stato caotico in cui versa la medicina territoriale così come la medicina ospedaliera, iniziando dai pronto soccorso.

“Ci sono in campo nazionale 21 diverse attività di emergenza – dice Vito D’Angelo, responsabile nazionale Snami Emergenza Urgenza – con il comune denominatore che la continua decurtazione dei medici del 118 sulle auto mediche/ambulanze, la sostituzione dei medici di emergenza con l’infermiere e la capricciosa assegnazione del doppio ruolo al medico EST (medico del territorio su chiamata in fase di standby che deve operare in P.S.), sta mettendo in serio la rischio la salute pubblica. Lo SNAMI Settore EST denuncia che l’autonomia delle politiche regionali hanno disarmato il territorio, con la demolizione di un sistema territoriale che dovrebbe essere a tutela, sicurezza e salvezza tempo dipendente della salute dei cittadini”.

E non è tutto, D’Angelo ricorda che “da anni evochiamo un impegno politico che eviti la morte dell’emergenza territoriale e chiediamo ai nuovi attori della politica nazionale un decreto legge che miri alla valorizzazione professionale, con contesti organizzativi adeguati, per appropriatezza, efficacia, efficienza e sicurezza.”

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Consulenza del lavoro parte integrante della professione dei commercialisti.

Consulenza del lavoro parte integrante della professione dei commercialisti.

07 Giugno 2024

Il presidente dell’Ungdcec chiarisce che con lo svolgimento della consulenza del lavoro da parte dei dottori commercialisti e degli esperti contabili non sottrae competenze ad altre professioni e non crea alcun danno all’interesse pubblico e ancora meno alla stabilità delle casse di previdenza.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.