Anno: XXV - Numero 62    
Venerdì 12 Aprile 2024 ore 13:15
Resta aggiornato:

Home » Il Tar ha respinto integralmente il ricorso dell’Aiga sulla conciliazione

Il Tar ha respinto integralmente il ricorso dell’Aiga sulla conciliazione

de Nuccio, 'respinto il ricorso dei giovani avvocati, noi legittimati'

Il Tar ha respinto integralmente il ricorso dell’Aiga sulla conciliazione

“Una decisione importante, che accoglie le ragioni del Consiglio nazionale dei commercialisti e legittima pienamente il ruolo della categoria in questo ambito professionale”: è quanto dichiara il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Elbano de Nuccio, commentando la sentenza con la quale il Tar del Lazio ha respinto integralmente – giudicandolo infondato – il ricorso proposto dall’Associazione italiana giovani avvocati (Aiga) a febbraio 2022, con il quale veniva impugnata la delibera Agcom nella parte in cui aveva modificato il Regolamento sulle procedure di risoluzione delle controversie tra utenti ed operatori di comunicazioni elettroniche con l’inserimento dei dottori commercialisti ed esperti contabili tra i soggetti accreditati all’esercizio dell’attività di conciliazione.

La tesi dell’Aiga era che l’attività di conciliazione, anche in questo specifico settore, sarebbe riservata esclusivamente agli avvocati e non potrebbe esser svolta dai commercialisti.

“Questa tesi – commenta de Nuccio – non considerava la peculiarità del quadro normativo in materia di risoluzione alternativa delle controversie (AdR) nel settore delle comunicazioni elettroniche. Il nostro Consiglio nazionale già aveva evidenziato come i commercialisti siano già ampiamente presenti nelle procedure di mediazione con gli Organismi di mediazione istituiti presso tutti i propri Ordini territoriali e, grazie alle competenze ed alla diffusione delle stesse su tutto il territorio nazionale, siano certamente in grado di ampliare significativamente la diffusione delle procedure di conciliazione attivate anche con gli operatori delle comunicazioni, sia nei confronti dei privati che tanto più delle aziende, così da contribuire ad assicurare la più ampia azionabilità dei diritti tutelati pur mantenendo in un alveo di soggetti qualificati e vigilati deontologicamente, il rischio di un eccessivo ampliamento dei soggetti abilitati a operare sulla piattaforma in sostituzione degli utenti interessati”. Il quadro normativo per la disciplina delle AdR in materia di comunicazione elettroniche , conclude il presidente, esprime il principio “della possibilità per l’utente di accedere liberamente alla procedura di conciliazione in proprio, o avvalendosi di un soggetto accreditato che ben può essere un professionista come un commercialista”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Formazione Ecm, arriva il nuovo manuale.

Formazione Ecm, arriva il nuovo manuale.

12 Aprile 2024

Ecco le novità più rilevanti per i medici Arriva per tutti i professionisti sanitari il nuovo manuale sulla formazione continua rivisto dalla rinnovata Commissione ECM. Valido per il triennio 2023-25, rinnova l’obbligo di totalizzare 150 crediti nei tre anni. Ma ci sono gli sconti.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.