Anno: XXV - Numero 107    
Martedì 18 Giugno 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » Consulenti lavoro: in 2021 200mln il costo delle quarantene

Consulenti lavoro: in 2021 200mln il costo delle quarantene

La decisione di escludere il rimborso per il 2022, anche perché il numero dei lavoratori coinvolti sarà di gran lunga superiore

Consulenti lavoro: in 2021 200mln il costo delle quarantene

“Nel 2021 ci sono stati circa 550.000 lavoratori in quarantena con circa 200milioni di costo. Questo ha certamente determinato la decisione di escludere il rimborso per il 2022, anche perché il numero dei lavoratori coinvolti sarà di gran lunga superiore”. Così, con Adnkronos/Labitalia, Giovanni Marcantonio, segretario del Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro, delegato ai rapporti con l’Inps.

E, secondo Marcantonio, la decisione del governo di escludere il rimborso della quarantena da Covid-19 ai lavoratori per il 2022 “porta estreme difficoltà gestionali nella compilazione del Libro Unico del Lavoro, visto che ci si dovrà barcamenare tra ferie, permessi o assenze giustificate che di certo non rappresentano la realtà”.

Infine, per Marcantonio, “il certificato medico abitualmente non riporta la circostanza che sia malattia per quarantena o meno, anche per motivi di privacy. Solo dopo molti mesi, l’Inps potrà sapere se quel certificato era malattia o quarantena; quindi il datore subirà nel caso di licenziamento per superamento del periodo di comporto il rischio di aver licenziato illegittimamente per superamento sulla base di dati a lui non conoscibili”, conclude.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Consulenza del lavoro parte integrante della professione dei commercialisti.

Consulenza del lavoro parte integrante della professione dei commercialisti.

07 Giugno 2024

Il presidente dell’Ungdcec chiarisce che con lo svolgimento della consulenza del lavoro da parte dei dottori commercialisti e degli esperti contabili non sottrae competenze ad altre professioni e non crea alcun danno all’interesse pubblico e ancora meno alla stabilità delle casse di previdenza.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.