Anno: XXV - Numero 57    
Venerdì 19 Aprile 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » ROTTAMAZIONE QUATER FINO A MARZO 2024

ROTTAMAZIONE QUATER FINO A MARZO 2024

Lo ha annunciato il vice ministro dell’Economia e Finanze Maurizio Leo, a Napoli al convegno dell’Ordine commercialisti di Napoli.

ROTTAMAZIONE QUATER FINO A MARZO 2024

“Riapriamo i termini fino al mese di marzo per chi non è riuscito a pagare le rate della rottamazione. Ricordo che dopo l’iniziale previsione di due rate a settembre e ottobre 2023 abbiamo prima differito i termini al 18 dicembre e adesso un nuovo rinvio in modo che i contribuenti possano recuperare la rottamazione quater che è andata bene. Stiamo adottando tutte le misure per invogliare i cittadini a definire i rapporti con il fisco, gradualmente e con sanzioni molto ridotte”. Lo ha annunciato Maurizio Leo, vice ministro dell’Economia e Finanze, nel corso del convegno “Le novità fiscali: la legge di bilancio 2024, il Concordato preventivo biennale e l’Adempimento collaborativo” promosso dall’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli e dalla Fondazione Odcec Napoli con il patrocinio del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti.

“Stiamo dando attuazione alla delega fiscale con sette decreti legislativi già approvati e l’ottavo è in corso di approvazione in Parlamento – ha aggiunto Leo. Porteremo in CdM un decreto legislativo che riguarderà il sistema sanzionatorio e la riscossione. Per ciò che riguarda le sanzioni cercheremo di approvare un modello che rispetti il principio di proporzionalità come ci chiedono la Corte costituzionale e l’Europa, nel solco di un rapporto sempre più aperto tra Stato e contribuenti”.

Soddisfatto Elbano de Nuccio (numero uno dei commercialisti italiani): “Un fisco che si apre alle concrete esigenze del sistema economico per garantire la continuità dei soggetti economici nel mercato aiutando gli imprenditori realmente in difficoltà. Non si tratta di sussidi per chi evade ma di aiuti alle imprese sane che voglio continuare a produrre. Mi piace prendere atto di questa condivisione di linea su un approccio di compliance reale e non solo evocata tra Agenzia delle Entrate e contribuenti, consolidando l’immagine di un fisco più vicino che non rallenta la crescita economica del Paese”.

Per Eraldo Turi (presidente dell’Odcec di Napoli): “Le novità fiscali che interessano professionisti e imprese sono tantissime, a partire dal Concordato biennale preventivo che rappresenta un accordo con l’amministrazione finanziaria ex ante che comporta la fine di verifiche induttive. Lo ritengo un buon passo in avanti per tutti noi”.

Sulla ‘compliance’ tra fisco e contribuenti si è soffermato Vincenzo Moretta (presidente della Fondazione Odcec Napoli): “La legge di bilancio 2024 è proiettata alla tutela dei redditi medio bassi e delle famiglie, con misure volte a fronteggiare l’emergenza denatalità attraverso una serie di incentivi. Sulla riforma del fisco in atto è evidente la volontà del governo di puntare sulla ‘compliance’ e su un nuovo modo di dialogare con l’Agenzia delle Entrate che è il futuro dei rapporti tra amministrazione finanziaria e contribuenti. I commercialisti svolgono un ruolo fondamentale come intermediari che devono fare in modo che questa compliance sia concreta e porti vantaggi sia alle casse dello Stato ma soprattutto ai contribuenti”.

Il convegno è stato aperto dagli interventi di Claudia Cimino (direttore regionale Entrate della Campania), Vito Gianpaolo Augelli (Comandante Interregionale GdF) e Maria Alessandra Santillo (direttore Territoriale della Campania AdM).

Nella prima tavola rotonda, moderata da Francesca Giglio (Presidente della Commissione Imposte dirette), sono intervenuti Benedetto Santacroce (avvocato tributarista), Vincenzo Carbone (capo divisione contribuente – Agenzia delle Entrate), Fabrizio Manca (comandante del I gruppo Tutela Entrate – Nucleo P.E.F. GdF Napoli ) e Pasquale Formica  (docente presso reparti di istruzione GdF e Università Roma Tre. Nella seconda tavola rotonda, moderata da Daniele D’Ambrosio (Presidente della Commissione I.I.DD.) sono intervenuti Immacolata M. L. Vasaturo (comitato scientifico Fondazione Odcec Napoli), Gaetano Scala (capo settore DRE Campania), Guido Spiniello (commissione I.I.D.D Odcec Napoli), Pasquale Saggese (ricercatore area “Diritto Tributario” della Fondazione Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili) e Claudio Turi (consigliere Fondazione ODCEC Napoli).

Le conclusioni sono state affidate a Michele Saggese (vice presidente della Fondazione Odcec Napoli).

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.