Anno: XXV - Numero 105    
Giovedì 13 Giugno 2024 ore 13:30
Resta aggiornato:

Home » Per la crescita serve una vera riforma fiscale

Per la crescita serve una vera riforma fiscale

Il presidente Confprofessioni Stella: «Ridurre il cuneo fiscale. E sulla flat tax estendere il regime anche ai soci di Stp e studi associati»

Per la crescita serve una vera riforma fiscale

Programmazione delle politiche tributarie, aggiornamento del sistema normativo, semplificazione degli adempimenti, alleggerimento del carico fiscale. Sono queste le priorità dei professionisti italiani per la riforma del fisco, presentate oggi (ieri ndr) dal presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella, al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso dell’incontro a Palazzo Chigi tra Governo e parti sociali, in vista della prossima legge di bilancio. «La manovra economica per il 2020 dovrà essere caratterizzata da misure in grado di scuotere e rinvigorire il nostro tessuto produttivo – ha affermato Stella – individuando una chiara strategia di crescita per un Paese in cui il Pil è fermo a causa del peso normativo e burocratico, dell’eccessivo carico fiscale e dell’arretratezza delle infrastrutture in cui imprese e professionisti sono chiamati a operare». Secondo il presidente di Confprofessioni, infatti, «l’urgenza di una riduzione della pressione fiscale deve essere accompagnata da uno snellimento burocratico nel rapporto tra fisco e contribuente e da un inasprimento delle sanzioni per chi occulta imponibili al fisco». Confprofessioni insiste sulla riduzione del carico fiscale e delle imposte sul lavoro autonomo «seppur con gli adeguati bilanciamenti». Secondo Stella, infatti, «è necessario non soltanto agire sulle aliquote d’imposta, ma anche bilanciare il sistema delle deduzioni e detrazioni, in modo da concentrare tali benefici sulle fasce più basse dei redditi. Gli oneri deducibili e detraibili – ha spiegato il presidente di Confprofessioni – devono essere snelliti e suddivisi in “fasce”, dando prioritaria importanza a quelli a rilevante impatto sociale, come le spese mediche e le spese per l’abitazione principale (da riconoscere a tutti i contribuenti), stabilendo invece dei limiti alle altre tipologie di oneri». Altro capitolo pesante è quello sulla flat tax. Se per Confprofessioni è positiva l’estensione della tassa piatta a tutti i contribuenti, restano però da risolvere alcuni nodi che coinvolgono i professionisti e le partite Iva. Stella ha ricordato come «la disciplina vigente prevede l’incompatibilità tra regimi flat e partecipazione a associazioni professionali o Stp (società tra professionisti)», sollecitando quindi l’estensione del regime agevolato ai professionisti che si aggregano «per favorire la crescita dimensionale degli studi così da renderli competitivi nel mercato internazionale dei servizi professionali».

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

AL G7, LA PRIMA VOLTA DI UN PAPA

AL G7, LA PRIMA VOLTA DI UN PAPA

14 Giugno 2024

La prima volta di un Pontefice al G7, forum di potenze globali nato quasi 50 anni fa per far fronte alle conseguenze della crisi energetica e del caro petrolio.

G7 2024 IN PUGLIA

G7 2024 IN PUGLIA

13 Giugno 2024

Il summit al via oggi a Savelletri affronterà una serie di temi cruciali, dalla guerra in Ucraina, alla crisi in Medio Oriente, dall’Intelligenza artificiale all’immigrazione, fino alle questioni finanziarie.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.