Anno: XXV - Numero 62    
Venerdì 12 Aprile 2024 ore 13:15
Resta aggiornato:

Home » NON COLPIRE I PROFESSIONISTI

NON COLPIRE I PROFESSIONISTI

Esposito (periti industriali) siamo disponibili a individuare meccanismi di contrasto alle frodiiti industriali ma voi non penalizzate i professionisti

NON COLPIRE I PROFESSIONISTI

 

“Sì al contrasto delle frodi in materia di Superbonus 110%, no a provvedimenti che ne frenano la misura, e vanno a colpire professionisti preparati e onesti che svolgono il proprio lavoro”: è quanto esprime il presidente del Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati Giovanni Esposito, all’indomani del provvedimento approvato nell’ultimo Consiglio dei ministri con il quale si prevede la reclusione da due a cinque anni e una multa da 50.000 a 100.000 euro per tutti i tecnici abilitati che nelle asseverazioni espongono informazioni false, o omettono di riferire informazioni rilevanti sui requisiti tecnici del progetto.

“Queste nuove previsioni sanzionatorie – recita una nota – suscitano in tutti i professionisti una forte preoccupazione e rischiano di creare nuovamente difficoltà insormontabili nel processo di miglioramento energetico e di messa in sicurezza degli edifici, agevolati dai bonus edilizi, in particolare il Superbonus.

Tra l’altro – va avanti il presidente della categoria tecnica – non si comprende la necessità di un tale inasprimento delle sanzioni e delle modifiche al meccanismo delle asseverazioni giacché, proprio per il Superbonus, sono da sempre previste le dichiarazioni asseverate dei tecnici abilitati e il provvedimento, stando ai dati dell’Agenzia delle Entrate, si caratterizza per una percentuale di frodi – ad oggi peraltro solo ipotizzate e presunte – pari al 3% sul totale degli importi delle opere coperte dall’incentivo statale”. Perciò, prosegue Esposito, “siamo disponibili, come sempre, a proporre ed individuare ulteriori meccanismi di controllo e di lotta alla frode, a patto, però, che questi siano realmente utili ed applicabili.

Nello stesso tempo chiediamo che la norma prevista venga eliminata, o comunque corretta, affinchè possa portare in concreto risultati positivi sul piano della prevenzione delle frodi, evitando che professionisti competenti e preparati evitino di sottoscrivere, in perfetta buona fede e correttezza, dichiarazioni che potrebbero prestarsi ad interpretazioni e valutazioni discrezionali”, chiude il vertice dei periti industriali italiani.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

CASSA FORENSE LA GRANDE MALATA

CASSA FORENSE LA GRANDE MALATA

11 Aprile 2024

Confrontando la proiezione dell'ultimo Bilancio tecnico standard di Cassa Forense con quelle dei Bilanci Tecnici delle altre vecchie Casse dei liberi professionisti (dette "privatizzate" ex Dlgs. 509/1994) simili alla nostra, risulta che Cassa Forense è quella messa "peggio"

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.