Anno: XXII - Numero 91    
Martedì 12 Maggio 2021 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Non c’è pace tra le toghe.

Non c’è pace tra le toghe.

Al Viminale presentato un simbolo per le Europee contro Cassa Forense. E il Cnf attende la sentenza del Tar del Lazio contro l'esito delle elezioni dell’attuale consiglio

Non c’è pace tra le toghe.

Il mondo forense ribolle

Tra i simboli depositati per le prossime europee spicca “No Alla Cassa Forense” e il comico Maurizio Crozza ne fa una comica presentazione in Tv.

Ma anche per il Consiglio Nazionale Forense ha le sue gatte da pelare.

Contro l’L’attuale Consiliatura è promosso da un gruppo di avvocati contro l’elezione di alcuni consiglieri nazionali (Mascherin in primis) in aperto contrasto col divieto di plurimo mandato sancito dall’art. 34 della L. 247/2012, nell’interpretazione enunciata dalla Corte di Cassazione con la nota sentenza n. 32781/2018.  Un ricorso la Tar del Lazio e si è in attesa della fissazione della data dell’udienza cautelare.

Non solo, Nuova Avvocatura Democratica è intervenuta ad adiuvandum nel giudizio,

Nad si oppone alla cristallizzazione di posizioni di potere in capo agli esponenti della classe forense, che nuoce al corretto e imparziale espletamento delle funzioni della sua rappresentanza istituzionale, essendo dell’avviso che il turn over nelle cariche forensi sia una doverosa forma di rispetto del principio democratico, baluardo della Carta costituzionale e valore fondamentale dell’Associazione. Con questo spirito Nad si appresta a combattere tale battaglia giudiziaria nell’interesse della libera avvocatura e nel perseguimento dei propri scopi statutari.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

DISCO VERDE PER L’ESONERO DEI CONTRIBUTI

DISCO VERDE PER L’ESONERO DEI CONTRIBUTI

10 Maggio 2021

Oliveti (Adepp). Il miliardo di euro destinato all'esonero contributivo dei professionisti iscritti agli Ordini è una vittoria e un atto di giustizia

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.