Anno: XXII - Numero 91    
Martedì 12 Maggio 2021 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » NESSUNA PIETÀ PER IL PROFESSIONISTA CON IL COVID

NESSUNA PIETÀ PER IL PROFESSIONISTA CON IL COVID

Nonostante le tante promesse il Governo ritira dal DL Sostegni gli emendamenti riguardanti la sospensione degli adempimenti per i professionisti che si ammalano di Covid.

NESSUNA PIETÀ PER IL PROFESSIONISTA CON IL COVID

La necessità di tutelare la salute dei professionisti nel momento di emergenza che il Paese sta attraversando era stata condivisa da tutte le forze politiche e aveva permesso la presentazione di un emendamento bipartisan, che faceva ben sperare sulla possibilità di vedere l’approvazione di una norma di civiltà, invocata e attesa dai professionisti.

“È incomprensibile – afferma Cuchel – la decisione del Governo di dire no ad una norma di così evidente buon senso, oltre che di altrettanta evidente urgenza in ragione della situazione sanitaria che è in atto, sebbene l’obiettivo finale da perseguire sia sempre l’approvazione del disegno di legge sulla malattia e infortunio del professionista. Nessuno – prosegue il Presidente Cuchel – sembrava intenzionato a voler mettere in discussione l’opportunità di riconoscere ai professionisti il diritto di curarsi al tempo del Covid, e quindi è legittimo chiedersi cosa abbia fatto cambiare idea al Governo.”.

Appena qualche settimana fa, in occasione di un evento organizzato dall’Anc lo scorso 15 aprile, esponenti del Governo intervenuti avevano manifestato il loro convinto sostegno all’emendamento, e si poteva ragionevolmente ritenere che non dovessero esserci ostacoli alla sua approvazione.

“Al Governo – conclude Cuchel – chiediamo di tornare sui suoi passi, crediamo che una norma che intende sancire il diritto alla salute di tanti cittadini nell’attuale stato di emergenza debba essere considerata da tutti irrinunciabile.”

Gli fa eco il vicepresidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Giorgio Luchetta, alla notizia della bocciatura da parte del ministero della Giustizia dell’emendamento al decreto sostegni che prevedeva il differimento dei termini per i professionisti che contraggono il Covid-19. Nelle scorse settimane il Consiglio nazionale della categoria aveva appoggiato con forza la presentazione dell’emendamento da parte di parlamentari di diverse forze politiche, “un primo passo determinante – secondo Luchetta – sulla via dell’approvazione del più ampio e organico disegno di legge sulla malattia professionale”. “E’ grave – conclude – porre come insormontabile il tema delle coperture rispetto ad una norma che riguarda diritti fondamentali che non dovrebbero essere messi in discussione e che pare assurdo non siano ancora riconosciuti. Una situazione tanto più inaccettabile, in un frangente drammatico come quello dell’emergenza pandemica”, si chiude la nota dell’Ordine.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

DISCO VERDE PER L’ESONERO DEI CONTRIBUTI

DISCO VERDE PER L’ESONERO DEI CONTRIBUTI

10 Maggio 2021

Oliveti (Adepp). Il miliardo di euro destinato all'esonero contributivo dei professionisti iscritti agli Ordini è una vittoria e un atto di giustizia

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.