Anno: XXV - Numero 89    
Mercoledì 22 Maggio 2024 ore 13:00
Resta aggiornato:

Home » L’EQUO COMPENSO TERRORIZZA I POTERI FORTI

L’EQUO COMPENSO TERRORIZZA I POTERI FORTI

Ocf, Aiga, Anf e Mf rispondono a Cottarelli e De Nicola

L’EQUO COMPENSO TERRORIZZA I POTERI FORTI

L’Organismo Congressuale Forense e le associazioni A.I.G.A., A.N.F. e Movimento Forense, rilevano come l’approvazione la scorsa settimana al Senato del DDL sull’Equo Compenso per i professionisti, in vista del passaggio alla Camera per la votazione definitiva, abbia scatenato la reazione allarmata dei contraenti forti destinatari di questa legge come banche, assicurazioni e grandi imprese.

Infatti, dopo qualche isolato tweet del sen. Carlo Cottarelli in cui si accusavano i liberi professionisti ed in particolar modo gli avvocati d’essere una lobby che ottiene solo per sè l’equo compenso a dispetto di  “braccianti e metalmeccanici” senza salario minimo, ora l’escalation delle censure, anzi delle pressioni, approda alla stampa nazionale con il contributo editoriale del prof. De Nicola ove si ripete che i liberi professionisti, anzi gli avvocati additati ad esemplare espiatorio, sarebbero una lobby contraria alle leggi del mercato.

Ma non di un mercato moderno e regolamentato, bensì di un mercato ottocentesco, da laissez faire dei padroni delle ferriere, che, con tesi sorprendenti da parte di esponenti dell’Accademia privata, come Cottarelli e De Nicola, vorrebbe tutti i lavoratori, livellati dall’assenza di tutele o dai morsi dell’inflazione, così confondendo e contrapponendo autonomi e subordinati e ignorando l’esistenza di tutele, CCNL ed art. 36 della Costituzione, ma soprattutto dimenticando volutamente che l’Equo Compenso varrebbe solo per i grandi clienti.

Insomma sotto la maschera di un grossolano egualitarismo al ribasso e accuse di lobbismo, le due autorevoli voci che professionalmente assistono le vere lobby finanziarie, assicurative, bancarie accusano gli autonomi di resistere alle pressioni dei loro assistiti e concludono i loro articoli e tweet ammonendo direttamente i parlamentari loro amici o colleghi a “riscattarsi” o a “redimersi”, invitandoli a bocciare la legge in terza lettura alla Camera, pena la perdita della loro qualifica di “liberali”. In sostanza le lobby anziché rimanere nella lobby, cioè nell’anticamera del Palazzo, ci sono già dentro a pieno titolo e ammoniscono sulle pagine dei quotidiani e social media i colleghi ad adeguarsi. Se non è pressione lobbistica questa! 

È quindi importante che mentre il reddito dell’Avvocatura langue da anni, la stessa non ne debba almeno risentire sotto il profilo della libertà professionale.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

PRONTI SOCCORSO IN CRISI

PRONTI SOCCORSO IN CRISI

23 Maggio 2024

Un’ indagine della Commissione Affari sociali della Camera sull'emergenza-urgenza in Italia fotografa "una situazione difficile, che oggi in Italia rappresenta la 'punta dell'iceberg'.

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.