Anno: XXI - Numero 70    
Venerdì 27 Marzo 2020 ore 16:00
Resta aggiornato:

Home » Le tecniche dilatoria della difesa sono fake news
questionario

Le tecniche dilatoria della difesa sono fake news

Lo scrive, in un editoriale pubblicato su 'Il Dubbio', il presidente del Cnf Andrea Mascherin

Le tecniche dilatoria della difesa sono fake news

“Tra le cause del maturare della prescrizione non possono allinearsi immaginarie e inesistenti tecniche dilatorie della difesa, sappiamo bene che quasi il 70% delle prescrizioni (per lo più di reati minori) si verifichino in sede di indagine preliminare. Qualsiasi rinvio chiesto dalla difesa non fa decorrere il termine prescrizionale. Il giudice puo’ ammettere il numero di testi che ritiene, anche nessuno. In alcune sedi giudiziarie non si prescrive nulla a differenza di altre”. Lo scrive, in un editoriale pubblicato su ‘Il Dubbio’, il presidente del Consiglio nazionale forense Andrea Mascherin, secondo il quale “parlare di impugnazioni come strumenti dilatori sarebbe come negare al malato di seguire tutte le strade possibili di cura o di sollievo alla malattia”.Mascherin quindi osserva che “come avvocati siamo chiamati a garantire il diritto alla difesa per tutti, e naturalmente difendiamo l’idea di una giurisdizione fondata sul principio di eguaglianza e di solidarietà, così come è stata tracciata dalla Costituzione, ma il punto è che qualsiasi cittadino responsabile dovrebbe pretendere che i temi fondanti di una società solidale e democratica, come la giurisdizione, vadano trattati con il metodo primo delle democrazie, ovvero il rispetto delle tesi e delle idee altrui, senza criminalizzazioni e uso di distorsioni comunicative”. Secondo il presidente del Cnf, la questione della durata dei processi penali, civili, amministrativi, tributari “sarebbe, come è sempre stato sotto ogni governo, facilmente risolvibile investendo in maniera importante in organico di magistrati, di personale amministrativo, di mezzi, in edilizia giudiziaria, e quindi potrebbero poi bastare pochi ritocchi processuali, e, per esempio, quanto al penale, l’istituto della prescrizione sarebbe meno rilevante a fronte di un processo garantito e di regola dalla durata ragionevole: il problema, invece – conclude Mascherin – è condividere l’obiettivo di un sistema sociale che garantisca il rispetto di tutti, con i limiti di ogni sistema, e che dia centralità alla dignità della persona, e soprattutto eviti che strumenti fondanti lo Stato di diritto, come la giurisdizione, diventino mezzi di propaganda politica, di scelte basate sui sondaggi, di scontro tra tifoserie. Tradiremmo lo spirito dei padri costituenti, che ben sapevano quale fosse il vero problema”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter!Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e libri inerenti la tua professione.

ISCRIVITI

Altre Notizie della sezione

Archivio sezione

Commenti


×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.